/ Altre notizie

Altre notizie | 23 gennaio 2021, 08:00

Covid, affitti stagionali: verso lo stop in tutto il Dipartimento?

Il provvedimento del Prefetto riguarderebbe il periodo delle vacanze che coincide con carnevale

Scorcio di Nizza dal MAMAC

Scorcio di Nizza dal MAMAC

Protestano un po’ tutti: le associazioni di categoria e i proprietari degli alloggi, ma si va verso il divieto di locazione, ad uso turistico degli appartamenti durante le vacanze invernali che coincideranno col periodo di carnevale.

Christian Estrosi lo aveva annunciato la scorsa settimana, quando aveva anticipato che avrebbe cercato di tenere lontani dal territorio comunale i turisti per consentire una spedita campagna di vaccinazione per contenere la diffusione del virus Covid 19 e delle sue varianti.

Ora, con la situazione che è in peggioramento, con le terapie intensive quasi al colmo, con i malati meno gravi che potrebbero essere trasferiti verso altri dipartimenti per consentire la riconversione delle strutture a reparti d’intensiva, pare che anche il Prefetto delle Alpi Marittime stia valutando un provvedimento.

Bernard Gonzalez ha ammesso di aver preso in carico il dossier e di valutare la richiesta di Christian Estrosi di adottare un provvedimento che interdica le locazioni stagionali durante il mese di febbraio.
Sono circa 8.700 gli alloggi destinati a residenze truistiche solitamente gestiti attraverso diverse piattaforme on line.

Se il Prefetto adotterà un provvedimento, il diniego potrebbe essere generalizzato ed esteso a tutto il Dipartimento, nel caso contrario saranno i sindaci ad adottare specifici provvedimenti con il rischio che la Costa Azzurra e l’Arrière Pays si muovano a macchia di leopardo.

Intanto le associazioni che rappresentano chi effettua affitti stagionali (Airbnb, Clévacances, Selogervacances, Leboncoin.fr, Interhome) e il vasto mondo dei servizi che vi ruota attorno protesta: chiedono un trattamento simile a quello degli hotel, mettono in dubbio il diritto dei sindaci di adottare provvedimenti discriminatori rispetto ad altri territori.

Una situazione che sembra ingarbugliarsi, anche se il Prefetto potrebbe, alla fine, intervenire con un provvedimento di divieto anche per sopire sul nascere le crescenti polemiche.




Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium