/ Business

Business | 13 febbraio 2021, 07:00

Amazon s’installa alle porte di Nizza, aprirà un centro smistamento a Carros

Servirà a sveltire le consegne e genererà circa 300 posti di lavoro. Il tutto avviene, come è costume del colosso del commercio on line, in sordina. Qualche polemica

Zoma industriale di Carros

Zoma industriale di Carros

Tutto sta avvenendo in sordina, come è costume del “colosso” del commercio on line, ma in estate a Carros aprirà un centro logistico di Amazon.
Fervono i lavori nell’area industriale di Carros per mettere a punto un capannone di 5mila metri quadrati situato tra quelli di Schneider Electric e Virbac che si trasformerà in un punto di raccolta delle merci da consegnare, provenienti un po’ da tutto il mondo e fungerà da “ultimo miglio”.

Di centri di questo tipo, dove si “lavorano” i pacchi e si organizza la loro consegna, così da sveltirla ancora di più, ve ne sono altri 16 in Francia, ma Amazon ha annunciato la volontà di crearne una decina ogni anno: vengono definiti “ultimo miglio”.

Il centro di Carros genererà circa 300 posti di lavoro a tempo indeterminato tra i 40 addetti al centro vero e proprio e circa 250 addetti alle consegne oltre ad un gettito supplementare di imposte locali a favore del comune di Carros e, in parte, anche della Métropole Nice Côte d'Azur.

Di per sé non dovrebbe avere ricadute dirette sulle attività del commercio locale, in quanto, viene sottolineato, chi acquista on line non lo fa sulla base del luogo dove si trova il polo logistico che si occuperà della consegna, ma per altre e diverse ragioni.

Nonostante questo un certo timore si è impossessato nei rappresentanti dei commercianti del territorio e della stessa Camera di Commercio: è vero, commentano, che non si tratta di un negozio aperto al pubblico e che svolgerà solo un servizio logistico, ma migliorerà ancora di più il servizio, lo sveltirà, renderà possibili le consegne in un lasso di tempo che va dalle 24 alle 48 ore e questo potrebbe indurre altre persone agli acquisti on line.

Tutte questioni che sono da approfondire e da valutare sotto diversi profili, fatto sta che, solo quest’anno, Amazon creerà in Francia 10 nuovi centri, incrementando l’occupazione di 3mila persone.

Il tutto molto sotto silenzio dopo che nel Dipartimento del Gard, quello di Nimes, la realizzazione di un centro di 39mila metri quadrati su sei piani, sempre da parte di Amazon, ha provocato proteste più che vivaci.   




Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium