Ambiente - 06 aprile 2021, 09:00

Le scienze marine hanno casa nel Principato di Monaco e su di loro si investe per i prossimi 4 anni

L'Organizzazione idrografica internazionale (IHO) e la Commissione internazionale per l'esplorazione scientifica del Mar Mediterraneo (CIESM) hanno rinnovato il loro accordo di cooperazione scientifica per i prossimi 4 anni.

Le scienze marine hanno casa nel Principato di Monaco e su di loro si investe per i prossimi 4 anni

L'Organizzazione idrografica internazionale (IHO) e la Commissione internazionale per l'esplorazione scientifica del Mar Mediterraneo (CIESM) hanno rinnovato il loro accordo di cooperazione scientifica per i prossimi 4 anni.

Questo accordo fornirà un quadro per una cooperazione attiva tra le due organizzazioni intergovernative dedicate alle scienze marine e con sede a Monaco. Questa cooperazione scientifica si concentrerà, tra l'altro, sui seguenti settori:

- Il rafforzamento delle sinergie scientifiche e tecniche nelle loro attività di ricerca e monitoraggio delle acque marine, in particolare la mappatura ad alta risoluzione dei fondali marini, il monitoraggio dei cambiamenti nell'ambiente marino nel contesto dei cambiamenti climatici, l'uso delle navi di opportunità per ottenere dati e input nelle iniziative oceaniche globali;

- Lo scambio di esperienze nel rafforzamento delle capacità, nella formazione e nel trasferimento delle conoscenze ai loro partner;

- Consulenza tecnica per rafforzare la politica marittima delle organizzazioni e convenzioni internazionali richiedenti.

Il rinnovo della cooperazione tra le due organizzazioni è tempestivo, visto il lancio di numerose iniziative internazionali sull'uso sostenibile degli oceani, come “il Decennio dell'ONU della scienza oceanica”.

Nella sua introduzione, il dottor Vladimir Ryabinin, vicedirettore generale e segretario esecutivo della Commissione oceanografica intergovernativa (CIO) dell'UNESCO ha sottolineato che l'impegno congiunto di IHO e CIESM è pienamente in linea con la visione del "Decennio delle Nazioni Unite per la scienza oceanica" . Ha detto che IHO, CIESM e IOC, tre organizzazioni intergovernative focalizzate sul futuro degli oceani, lavoreranno insieme per l'obiettivo comune di una migliore comprensione dell'oceano globale e della sua protezione.

Il dott. Mathias Jonas, Segretario generale dell'IHO, ha sottolineato la complementarità delle due organizzazioni che sono entrambe "impegnate ad aumentare la nostra conoscenza degli oceani attraverso la cooperazione regionale e internazionale". Ha aggiunto che "questo lavoro fornirà preziosi dati di riferimento per la regione".

Il professor Frédéric Briand, direttore generale del CIESM, ha spiegato come le reti navali e scientifiche delle due organizzazioni nel Mediterraneo potrebbero unire le forze per l'acquisizione di dati oceanografici relativi al riscaldamento globale e ai rischi geologici marini in particolare. Ha ricordato che ci sono più di 900 grandi canyon sottomarini nel Mediterraneo e nel Mar Nero e che il Mediterraneo è il terzo bacino più vulnerabile agli tsunami. Ha anche sottolineato che è possibile utilizzare dati aggiornati e accurati per cercare di prevedere e mitigare l'impatto degli tsunami e quindi aiutare le persone a prepararsi meglio.

In omaggio alla visionaria decisione della Famiglia Grimaldi di accogliere le due Organizzazioni Intergovernative a Monaco, e all'ospitalità del Governo del Principe nel corso della loro rispettiva storia, l'IHO e il CIESM hanno deciso di firmare il rinnovo del loro Memorandum d'Intesa durante il Monaco Ocean Week (MOW).

L'IHO è un'organizzazione intergovernativa fondata nel 1921 e attualmente conta 94 Stati membri. Si sforza di aumentare la conoscenza delle caratteristiche fisiche dei mari del mondo. Coordina le attività degli uffici idrografici nazionali e promuove l'uniformità dei dati e dei documenti marini. Pubblica le migliori pratiche per le indagini in mare, fornisce linee guida per massimizzare l'uso dei dati idrografici e sviluppa le capacità idrografiche all'interno degli Stati membri. Comprende diversi comitati e gruppi di lavoro per affrontare argomenti tecnici, educativi e collaborativi.

L'IHO ha anche contribuito alla creazione di Commissioni Idrografiche Regionali (RHC) per far avanzare questioni di importanza regionale. Tra di loro c'è la Commissione idrografica del Mediterraneo e del Mar Nero (MBSHC) a cui il CIESM partecipa come organizzazione di osservatori.

La Commissione Mediterranea delle Scienze (CIESM), creata nel 1919, è un'organizzazione intergovernativa che promuove e incoraggia la ricerca nel Mediterraneo e nel Mar Nero grazie a una rete di diverse migliaia di ricercatori marini, che applicano i più recenti strumenti scientifici per meglio comprendere, monitorare e proteggere gli ecosistemi marini della regione. Strutturato in comitati e varie task force, il CIESM organizza workshop di esperti, programmi di collaborazione e congressi.

rg

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU