Ambiente - 19 aprile 2021, 16:00

Marineland salva Lorella, la giovane tartaruga carretta carretta in difficoltà

L'inverno era stato tranquillo al Centro di riabilitazione della fauna selvatica e non aveva accolto nessuna tartaruga marina da quando Ana è stata salvata la scorsa estate.

Marineland salva Lorella, la giovane tartaruga carretta carretta in difficoltà

Alla fine della scorsa settimana, una tartaruga caretta è stata portata al Centre de Réhabilitation de la Faune Sauvage (CRFS), un ospedale per tartarughe marine gestito e finanziato dalla Marineland Association, con sede a Cap d'Antibes.

L'inverno era stato tranquillo al Centro di riabilitazione della fauna selvatica e non aveva accolto nessuna tartaruga marina da quando Ana è stata salvata la scorsa estate.

Con un peso di 3 chili, la giovane tartaruga caretta caretta, trovata vicino all'aeroporto di Nizza, era indebolita, ipotermica e incapace di muoversi. Il responsabile del progetto "Marine Turtle" della Marineland Association e capacità CRFS, Sidonie Catteau, e il veterinario della Marineland Association Christopher Scala, hanno subito fornito il primo soccorso alla tartaruga: verifica dell'eventuale presenza di un micro-transponder (per la tracciabilità del l'animale), controllo della sua temperatura corporea, misurazioni biometriche, analisi del sangue e radiografie.

Secondo Sidonie Catteau, l'ondata di freddo degli ultimi giorni ha portato ad un ulteriore abbassamento della temperatura delle acque superficiali fino a 14 ° C. "Per questi rettili ectotermici, la temperatura esterna influenza direttamente la loro attività metabolica, con estremi che potrebbero essere letali", spiega. In attesa dei risultati degli esami, la salute della tartaruga viene monitorata mantenendo la sua temperatura corporea a 19-20 ° C, supporto nutrizionale integrato con vitamine e reidratazione.

"Il nostro team di volontari è stato molto reattivo e tutta l'attenzione è già rivolta alla nostra tredicesima paziente che sembra già apprezzare i gamberi che le vengono offerti. A seconda dei risultati degli esami, potrà tornare in mare aperto non appena le temperature in mare raggiungeranno i 18-19 ° C ”, ha assicurato Sidonie Catteau. Un ringraziamento particolare va agli osservatori in mare, che, attenti dando l'allerta, aiutano questi animali in difficoltà. Questa piccola Caouanne prende il nome dalla barca del suo soccorritore, Lorella!

rg

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU