/ Altre notizie

Altre notizie | 13 maggio 2021, 19:00

Olio di Oliva prodotto nei quartieri di Nizza. Parte l’operazione “l’oliveraie partagée”

L’olio sarà distribuito gratuitamente ai partecipanti all’iniziativa. L’iniziativa avviata nel quartiere les Moulins, dove un tempo si producevano olio di oliva e di arachidi

Olivi in un parco di Nizza

Olivi in un parco di Nizza

Passerà attraverso una cinquantina di alberi di ulivo la trasformazione di un quartiere a dir poco chiacchierato di Nizza?
Difficile da dirsi, certo l’operazione partita in questi giorni a les Moulins ha tutte le carte in regola per coinvolgere una parte degli abitanti del quartiere e creare rapporti nuovi tra gli abitanti di una zona nella quale la polizia è purtroppo di casa.

L’operazione è chiamata “l’oliveraie partagée”: praticamente, col contributo dell’associazione L’atelier du zéro six e l’assenso del comune di Nizza che è il proprietario degli ulivi che sorgono nel quartiere, gli abitanti provvederanno alla cura degli alberi, alla sistemazione degli spazi verdi e alla raccolta delle olive.
Le stesse verranno poi trasformato in olio che sarà distribuito gratuitamente ai partecipanti all’iniziativa. Si calcola una produzione di 300 kg di olive pari a circa cinquanta litri di olio.

Un’iniziativa destinata ad estendersi, perché in programma vi è l’incremento del numero di ulivi e che potrebbe rappresentare un elemento di novità in un quartiere che prende il nome proprio dai mulini che un tempo lavoravano le olive e…non solo.

L’ultimo mulino fu chiuso negli anni Cinquanta dello scorso secolo, ma durante la prima guerra mondiale i tanti mulini del quartiere venivano utilizzati non solo per produrre l’olio di oliva, ma anche quello di arachidi che giungevano, via mare, dall’Algeria e da altre zone dell’Africa del Nord.

Ora, a distanza di un secolo, la ruota gira e riparte la produzione di olio di oliva, in modesta quantità, ma con la speranza che possa aiutare un quartiere a trovare spunti per uscire dalle sue difficoltà che la pandemia ha accentuato.
 


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium