/ Ambiente

Ambiente | 19 maggio 2021, 18:00

Costa Azzurra: alla scoperta del territorio. Châteauneuf-Villevieille (Foto)

Montecarlonews propone luoghi, itinerari, passeggiate alla scoperta del Dipartimento delle Alpi Marittime. Le foto sono di Danilo Radaelli

Châteauneuf-Villevieille, forografie di Danilo Radaelli

Châteauneuf-Villevieille, forografie di Danilo Radaelli

Un altro gioiellino del territorio, quello che l’escursione in bicicletta di Danilo Radaelli, ci propone questa volta: si tratta del villaggio di Châteauneuf Villevieille, piccolo centro di poco meno di mille abitanti posto ad una ventina di chilometri a nord di Nizza.

 

Una strada panoramica abbastanza ben segnalata con duce, da Levens, al passo (626 m), da dove partono i sentieri escursionistici e, soprattutto, una strada più stretta che sale alle bellissime rovine dell'antico borgo medievale.

 

Le rovine di Châteauneuf-Villevieille, anche se sovrastate dalla vegetazione, rimangono accessibili e emanano un'atmosfera che soddisfa l'immaginazione più fertile e al calar della notte “spaventa le anime sensibili”, come recitano i cartelli.
Soprattutto quando si apprende che, durante i tempi difficili dell'alto medioevo, gli abitanti di Contes (paese situato nella valle del torrente " Paillon"), volendo proteggersi dai barbari invasori e dai banditi costruirono un villaggio in cima al monte, rifugio inespugnabile che permetteva di scrutare l’orizzonte.

 

Chateauneuf Villevieille, tour del vecchio villaggio
Nasce così Chateauneuf de Contes, oggi Châteauneuf-Villevieille, i cui resti fortificati attuali risalgono al IX-XII secolo: la  torre ancora imponente  il maestoso ingresso, la chiesa del paese.

Chateauneuf Villevieille, chiesa
L'attuale villaggio di Châteauneuf-Villevieille è sparso sul pendio del Mont Férion, tra ulivi e cipressi.
Nessun centro vero e proprio, se non la piazzetta dove sorge una grande chiesa (datata 1880), e da cui partono alcuni tranquilli vicoli fiancheggiati da ville.

Chateauneuf Villevieille, paesaggio
Un grande lavatoio coperto e la sua fontana (1893), alcuni giardini terrazzati… è tutto quanto  Châteauneuf Villevieille. Aria pulita, un'atmosfera naturale e di campagna e 300 ettari di foreste incoraggiano a fare una passeggiata.
Tenendo sempre presente che il mare non è distante e, in alto, si respira aria buona.


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium