/ Business

Business | 14 agosto 2021, 07:00

Perché il marketplace italiano è la nuova frontiera dell'e-commerce

La maggior parte delle persone suppone, sbagliando, che il marketplace e l'e-commerce possano essere la stessa cosa.

Perché il marketplace italiano è la nuova frontiera dell’e-commerce

La maggior parte delle persone suppone, sbagliando, che il marketplace e l’e-commerce possano essere la stessa cosa. Sebbene entrambi siano utilizzati per scopi simili o complementari di acquisto e vendita online, ci sono alcune differenze fondamentali tra loro. Ad esempio, un marketplace è una piattaforma online in cui il proprietario del sito web consente a venditori di terze parti di vendere sulla piattaforma e fatturare direttamente ai clienti. Il proprietario del marketplace non possiede l'inventario e tantomeno emette la fattura al cliente. In effetti, è una piattaforma sia per i venditori che per gli acquirenti, simile a quello che conosciamo come un mercato di tipo fisico.

Al contrario, un sito di e-commerce è un negozio online monomarca o un negozio online multimarca in cui un marchio specifico vende i propri prodotti sul proprio sito web. L'inventario è di proprietà solo del titolare del sito web. L’intestatario del sito web fattura al cliente e paga l’IVA. Non c'è alcuna opzione per registrarsi come venditore, simile a quello che vedi in un negozio al dettaglio, ed è specifico del cliente. In pratica possiamo affermare che il marketplace online può essere un “sito piattaforma”dove confluiscono venditori e clienti.

Premesso che la differenza oggi è legata maggiormente al tipo di prodotto o dal venditore, ci sono esigenze e obiettivi differenti, che in un paese come l’Italia fanno la differenza. Quando parliamo di marketplace 100% italiano, il cliente che lo visita si aspetterà uno standard qualitativo dei prodotti superiore. Una concezione e uno sviluppo dei prodotti affidati ad artigiani di alto livello; in poche parole la percezione e le attese dell’utente vengono orientante verso la qualità e l’originalità delle produzioni.

Ecco qui di seguito quattro aspetti utili a rendere il marketplace italiano al 100% più efficace

Approccio di marketing e targeting

È importante avere un approccio idoneo rispetto al marketing e sul targeting per quanto riguarda il marketplace. Se per l'e-commerce bisogna concentrarsi sul targeting degli acquirenti, per il marketplace c’è la necessità di attirare non solo gli acquirenti, ma anche i venditori che saranno il cuore della nostra piattaforma. Nell'e-commerce, il singolo commerciante deve spendere di più per indirizzare il traffico al proprio sito.

Rischiare di meno per avere più profitti

Un marketplace non vende o acquista alcun prodotto. Ciò implica un volume di rischio finanziario ridotto, rispetto ai siti di e-commerce che devono investire in azioni che potrebbero richiedere tempo per vendere, ammesso che ci riescano. I marketplace invece riescono a sfruttare le economie di scala, consentendo di espandersi più velocemente dei siti web di e-commerce. Quando il traffico cresce rapidamente, potrebbe essere necessario cercare nuovi fornitori per soddisfare la domanda.

Le problematiche legate all’inventario

Tenete presente questo aspetto: più grande è l'inventario, più probabilità ci sarà che gli acquirenti trovino ciò che stanno cercando. A volte mantenere un inventario più grande in magazzino potrebbe causare problemi nello stoccaggio di qualcos'altro che vende meglio. Sui siti di e-commerce, tale principio significa che a un certo punto bisogna liberarsi dei prodotti invenduti, abbassando in modo sostanziale i prezzi. Al contrario, sui marketplace, se c'è un prodotto che non vende, possiamo scegliere di disattivarlo premendo un pulsante. È tutto più semplice e rapido, nonché funzionale.

Tempo e denaro. Il tempo è denaro

Costruire il nostro sito web di e-commerce può essere semplice o complicato, non ci sono regole standard. Proprio perché ci si rivolge a un’idea di marketplace italiano al 100%, tempo e lavoro sono necessari per impostare in un certo modo il nostro negozio online. Poiché i siti di e-commerce hanno un investimento iniziale maggiore, impiegano più tempo per raggiungere la loro mission. D'altra parte, i mercati hanno margini di profitto migliori poiché le loro entrate sono legate direttamente alle transazioni.

Considerazioni finali

Queste sono le ragioni per cui il marketplace italiano al 100% può funzionare ed essere la nuova frontiera di un marketing etico, alternativo e profilato verso un consumatore esigente. Le occasioni legate a un nuovo modello economico vigente, potrebbero essere favorevoli, specialmente in questo delicato momento, dove la tecnologia diventa una occasione di lavoro e ricerca di potenziali acquisti, su larga scala e su ogni tipo di prodotto e manufatto esistente.

Richy Garino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium