/ Business

Business | 16 agosto 2021, 07:00

Da oggi pass sanitaire obbligatorio per entrare nei grandi centri commerciali. Il Prefetto rinnova anche l’ordinanza “virtuale” sull’obbligo della mascherina all’aperto

Si tratta di 6 grandi centri commerciali di Nizza, Saint Laurent du Var, La Trinité, Antibes e Mandelieu. Confermato anche il divieto di bere alcolici sulle pubbliche strade, ma nessuno poi fa rispettare il provvedimento al pari di quello sull’obbligo della mascherina

Cap 3000 a Saint Laurent du Var

Cap 3000 a Saint Laurent du Var

Era nelle cose con l’epidemia di Covid che si è infiammata in Costa Azzurra con numeri che meritano attenzione: il Prefetto delle Alpi Marittime, Bernard Gonzalez, ha sottoscritto un’ordinanza con la quale, da oggi, lunedì 16 agosto 2021, viene reso obbligatorio il possesso del pass sanitaire per accedere a 6 centri commerciali con una superficie di vendita superiore a 20mila metri quadrati.

Si tratta di:

  • Cap 3000, Saint-Laurent-du-Var ;
  • Auchan, La Trinité ;
  • Carrefour Lingostière, Nice ;
  • Carrefour TNL, Nice ;
  • Carrefour, Antibes ;
  • Géant Casino, Mandelieu-la-Napoule

Per entrare in questi centri sarà anche necessario indossare la mascherina.

 

Il Prefetto ha pure provveduto a rinnovare le ordinanze, rimaste peraltro palesemente lettera morta e assolutamente non rispettate, con le quali viene stabilito l'obbligo di indossare la mascherina nei luoghi all’aperto del Dipartimento e vietati il consumo di alcolici sulle strade pubbliche e le attività musicali amplificate.
Il provvedimento prevede già dal 26 luglio, che  l'uso della mascherina sia obbligatorio a partire da undici anni nei seguenti spazi pubblici:

  • Mercati al coperto e all'aperto;
  • Mercatini, brocantes, braderie, vendite, vide greniers e mercatini all'aperto organizzati in spazi pubblici o normalmente aperti al pubblico;
  • Strade urbane con traffico pedonale;
  • Aree nelle quali il traffico stradale è limitato a 20 km/h;
  • Centri commerciali e spazi assimilati di grandi e medie superfici, nonché relativi parcheggi;
  • Aree dei centri commerciali e dei centri urbani caratterizzate da un'elevata concentrazione di pubblico;
  • In occasione di manifestazioni che si svolgono nel territorio del dipartimento delle Alpi Marittime;
  • Entro un perimetro di 50 metri intorno agli ingressi di asili nido, scuole, collegi e licei, 15 minuti prima e dopo l'apertura e 15 minuti prima e dopo la chiusura di tali strutture;
  • Entro un perimetro di 50 metri intorno agli accessi agli istituti di istruzione artistica e agli istituti di istruzione superiore durante l'orario di frequenza di tali istituti;
  • Entro un perimetro di 50 metri attorno agli ingressi degli stabilimenti aperti al pubblico nei quali è obbligatorio l'uso della mascherina ai sensi delle disposizioni normative vigenti.

Eccezioni all'obbligo di indossare la mascherina:

L'uso della mascherina non è obbligatorio nelle seguenti aree pubbliche:

  • Spazi naturali, spazi verdi urbani (parchi, giardini e aree paesaggistiche lungo i corsi d'acqua) e la costa (spiagge), i bordi dei corsi d’acqua (stagni, laghi e giochi d'acqua nei centri ricreativi);
  • L'obbligo di indossare la mascherina non si applica alle persone con disabilità che abbiano un certificato medico che giustifichi tale esenzione;
  • L'obbligo di indossare la mascherina non si applica alle persone che partecipano ad attività fisiche o sportive.


Divieto di consumo di alcolici sulle strade pubbliche e attività musicale amplificata in tutti i comuni del dipartimento

  • È vietato il consumo di bevande alcoliche sulle strade pubbliche.
  • È vietata l'attività musicale amplificata da emittenti, altoparlanti, negli stabilimenti e nei locali che ricevono il pubblico e che riproducono normalmente musica amplificata.
  • Qualsiasi attività musicale amplificata da emittenti, altoparlanti è vietata sulle strade pubbliche.


È sufficiente recarsi sui lungomari della Costa Azzurra o nei centri storici per rendersi conto di come più che ordinanze si tratti di “grida manzoniane”.
Mascherine indossate se ne vendono in numero infinitesimale, mentre si continua tranquillamente a bere alcolici seduti sulle panchine o in spiaggia.
Lo testimoniano le centinaia di bottiglie abbandonate che, il mattino presto, si notano lungo le strade delle principali località turistiche della Costa Azzurra.


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium