/ Eventi

Eventi | 17 settembre 2021, 19:00

Si può visitare, per la prima volta, anche il Fort de la Revère, una delle opportunità da non perdere durante le Giornate Europee del Patrimonio

Tanti gli spazi aperti a cura del Dipartimento delle Alpi Marittime. Il programma e gli orari

Fort de la Revère, Eze

Fort de la Revère, Eze

Il Dipartimento delle Alpi Marittime tiene aperti i propri spazi culturali in occasione delle Giornate Europee del Patrimonio previste per il 18 e 19 settembre 2021.

Il tema della trentottesima edizione delle “Giornate” è  “Patrimonio per tutti”.
Il programma completo delle manifestazioni e delle iniziative, con i relativi orari, è inserito al fondo di questo articolo.
Per un fine settimana, il Dipartimento delle Alpi Marittime aprirà gratuitamente molti luoghi emblematici per visite guidate a monumenti e siti, laboratori, giochi e attività.

La proposta è quella di andare a scoprire, approfittando delle visite guidate, il Parc Naturel Départemental de la Grande Corniche a Eze, il Fort de la Revère, una delle strutture Séré de Rivières più belle delle Alpi Marittime, costruito tra il 1882 e il 1885, eccezionalmente aperto,  per la prima volta, al pubblico.

Il Fort de la Revère, si apprende dal web, è parte di un insieme di fortificazioni semi-interrate costruite dal 1874 fino all'inizio della prima guerra mondiale, lungo i confini delle le coste francesi ed è stato concepito come parte integrante del Sistema Séré de Rivières.

Di tipologia cosiddetta "forte a massiccio centrale con batteria bassa" è costituito da batterie basse e periferiche e con accasermamenti posti in alto nella parte centrale.

Il progetto appare in un rapporto del 1877 del comandante Wagner, comandante del Genio Militare di Nizza e le planimetrie sono state decise dal capitano Rougier nel 1878. Il suo perimetro trapezoidale è circondato interamente da un fossato asciutto costellato di caponiere ed il suo armamento era costituito da 16 cannoni e quattro mortai. Questo sistema fu integrato con tre batterie annesse e detta la Calanca, la Forna e Samboules.

Con il suo forte omologo, denominato Forte della Drète, ha difeso la via d'accesso attraverso le valli.

Durante la seconda guerra mondiale, il governo di Vichy, vi trasferì dei prigionieri alleati, per lo più piloti inglesi. Dopo la seconda guerra mondiale il forte è stato dismesso e chiuso al pubblico.

A cura del Dipartimento delle Alpi Marittime saranno aperti al pubblico i seguenti spazi culturali:

  • L’espace culturel Lympia : 2 quai Entrecasteaux au Port de Nice,
  • Le Palais des Rois Sardes (archives départementales) : 10 rue de la Préfecture a Nizza,
  • La Grotte préhistorique du Lazaret : 33 bis boulevard Franck Pilatte a Nizza,
  • Le Musée des Arts asiatiques a Nizza: 405 promenade des Anglais a Nizza,
  • La Darse de Villefranche-sur-Mer,
  • Le Musée des Merveilles à Tende : Avenue du 16 septembre 1947 a Tende,
  • La Micro-Folie départementale : 26 rue Saint-François de Paule a Nizza.
Files:
 PROGRAMME journees patrimoine 2021 (535 kB)

Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium