/ Altre notizie

Altre notizie | 12 ottobre 2021, 07:00

Cuisine niçoise: una storia appassionante

Una terra di cultura millenaria ha saputo beneficiare, nel corso dei secoli, di diversi contributi esterni

Cuisine niçoise: una storia appassionante

In attesa che l'Unesco riconosca la cucina nizzarda quale patrimonio immateriale dell’umanità, é curioso ripercorrerne la storia.

La storia della cucina nizzarda costituisce la base indispensabile per conoscere a fondo da dove partono e quale percorso hanno compiuto i piatti tipici e i prodotti nostrani che caratterizzano l’alimentazione del Sud Est francese.

Agli albori della tradizione culinaria, l’Ufficio del Turismo ha dedicato questo studio che riportiamo.

“Il Pays Niçois, una terra di cultura millenaria, ha saputo beneficiare, nel corso dei secoli, di diversi  contributi esterni che hanno contribuito a consolidarne le tradizioni. 

Dal diciottesimo secolo, i flussi commerciali hanno contribuito  a diffondere e far conoscere la cucina mediterranea e la cucina nizzarda. Le prime forme di coltivazione, grano duro e orzo, compaiono, nella regione, 3.000 anni fa. I Greci svilupparono, già nel VI secolo avanti Cristo, la viticoltura. I romani diedero  forma ai paesaggi agricoli coltivando ulivi e fichi. 

Quindi, per un lungo periodo, si instaurò una cultura di auto sussistenza dal basso rendimento a causa delle difficili condizioni naturali: il territorio è povero, l'acqua scarseggia e il terreno ripido richiede la realizzazione di pendii terrazzati supportati da muri a secco, chiamati "planches" a Nizza e "restanques" in Provenza. Il grano è usato nella preparazione del pane e della pasta .

Fagiolini, piselli, lenticchie, fagioli, bietole, melanzane, porri, cipolle, zucchine cavoli, cardi, ravanelli, carote, ... sono prodotti negli orti assieme con i  pomodori e i peperoni, mentre patate e mais sono coltivati ​​nella Contea di Nizza solo dai secoli XVII e XVIII. Le tipiche piccole olive nere costituiscono un complemento a questa produzione, come le  erbe aromatiche e i funghi che profumano i piatti e si mescolano con varie erbe selvatiche e tante varietà di insalata che costituiscono il  mesclun (termine  niçois rapportabile al francese “ mélange”).

I frutti locali: fichi, uva, castagne, noci,nocciole, pere e mele forniscono lo zucchero. Mandorle, albicocche, pesche, prugne, meloni, cocomeri sono introdotti dai greci e dai romani. Gli agrumi, originari dell'Asia, sono stati coltivati ​​con successo nella regione dal XVI secolo. I cachi e le nespole appaiono molto più tardi”.

Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium