/ Altre notizie

Altre notizie | 28 novembre 2021, 16:30

Aggredita la “super nonna” di Nizza, è ricoverata in terapia intensiva

L’aggressione pare da parte di un vicino “troppo rumoroso”. La donna aveva partecipato, la scorsa settimana, al concorso per l’elezione della “Super Mamie” di Francia

Christiane Olive, super mamie delle Alpes Maritimes

Christiane Olive, super mamie delle Alpes Maritimes

Christiane Oliva, la “super nonna” delle Alpi Marittime, che aveva appena partecipato al concorso per l’elezione della “Super Mamie” di Francia si trova ricoverata in terapia intensiva, dopo essere stata aggredita, a Saint Laurent du Var, in casa, pare da un vicino.

A dare la notizia, che sta facendo il giro della Francia poiché il concorso per l’elezione delle “super nonne” appassiona tutto il Paese, è divenuta virale dopo che Stan Palomba presidente nazionale della Federazione Francese delle Arti e Tradizioni Popolari ha dato notizia di quanto accaduto con questo commendo affidato alle reti sociali:” Siamo arrabbiati: come è possibile aggredire fisicamente la nostra Super Mamie di Nizza? Il suo vicino pazzo non è ancora stato arrestato, mentre Christiane Oliva è in terapia intensiva. Tutti i nostri pensieri per lei e la sua famiglia”.

E’ stata la figlia Sylvia, anche lei aggredita, a raccontare a “France Bleue” come si sono sviluppati i fatti.
Venerdì sera, intorno alle 21, a Saint-Laurent-du-Var, un vicino di casa di Sylvia, la figlia di Christiane Oliva che ospita la mamma, sarebbe entrato in casa facendo rumore. "Era tardi e mi sono presa la libertà di mandargli un messaggio per chiedere un po' di silenzio. Non è la prima volta che fa così tanto rumore", racconta Sylvia.

Il vicino avrebbe bussato alla porta di casa di Sylvia e colpito la mamma con due pugni e spingendo forte la figlia ed anche minacciandola, pare, di morte.

Dieci minuti dopo l'aggressione, Christiane Oliva ha perso la vista ed stata portata al pronto soccorso da dove è stata ricoverata in terapia intensiva.

Trattandosi di reato perseguibile su denuncia di parte, ieri, sabato 27 dicembre, sarebbe stata presentata alla stazione di polizia di Cagnes denuncia da parte della figlia.

Non è escluso che Christiane Oliva abbia patito un infarto a seguito dell’aggressione. Al momento non sarebbe in pericolo immediato di vita.




Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium