/ Business

Business | 23 agosto 2022, 07:00

Come creare una strategia di social media marketing nel 2022?

I punti cardine di una strategia di social media marketing

Come creare una strategia di social media marketing nel 2022?

Vuoi lanciarti nel digitale? Vuoi creare un’entrata extra con cui svagarti, pagarti un viaggio, o persino trasformare questo passatempo in una carriera?

Allora dovrai avere una chiara strategia di social media marketing. Senza questo programma editoriale potresti avere più di una difficoltà a crescere e farti conoscere.

Come farlo? È piuttosto semplice: continua a leggere per scoprire tutti i passaggi.

I punti cardine di una strategia di social media marketing

Ogni strategia prevede un certo grado di creatività e, dunque, ognuno può crearne una propria personalizzata.

Tuttavia, ciascun piano dovrebbe possedere determinati punti. Vediamo i più importanti:

  • Il tuo target: chi è il pubblico a cui ti vuoi rivolgere? Se fai video e post per persone di età tra i 16 e i 25 anni, dovrai elaborare contenuti creativi diversi rispetto a un pubblico di età superiore ai 35 anni;
  • La frequenza di pubblicazione: quanti post pubblicherai al giorno? Vuoi stare più largo e pubblicare 2-3 post alla settimana? Spetta a te scegliere;
  • La nicchia di riferimento: operi nell’industria degli influencer o degli chef blogger? Se ti occupi di vestiti e lifestyle, allora dovrai adottare determinati linguaggi per adattarti al meglio alla nicchia di appassionati;
  • Il linguaggio usato: mostri i tuoi outfit di streetwear? Allora dovrai utilizzare un linguaggio più adatto a persone a cui piace quello stile. Se, invece, punti agli smoking e ai vestiti di brand lussuosi, dovrai chiaramente utilizzare un linguaggio maggiormente evocativo che possa suscitare emozioni di “esclusività”;
  • Il programma editoriale: lo abbiamo già citato, ma consiste semplicemente nel programma di pubblicazione dei contenuti che hai in mente. Può essere visto come il riassunto di tutti i punti elencati sopra, con l’aggiunta (importantissima) della tipologia di contenuti che vai a pubblicare.

Dunque, che cosa preferisci come formato tra un video e un post? Volendo, potresti fare entrambe le tipologie e variare in modo da offrire sempre contenuti freschi che mantengono alta l’attenzione dei tuoi follower.

4 modi per spingere il tuo programma editoriale

Bene, adesso che hai un piano di pubblicazione di contenuti da seguire devi pensare a un altro punto importante.

Di fatti, saprai molto bene che avere delle idee da mostrare non basta. Bisogna anche saper spingere i propri post e video in modo che raggiungano sempre più persone.

Dai guest post pubblicati su siti reputabili fino a piattaforme di acquisto seguaci come ComprareFollower, fino ai tradizionali strumenti pubblicitari di Instagram o Facebook passando per le paid partnership con altri influencer, esistono moltissimi stratagemmi per crescere organicamente.

Ecco le 4 idee principali.

Strumenti di Instagram

Prendiamo Instagram come esempio. Il social network offre una varietà di pacchetti promozionali con cui poter sponsorizzare le proprie storie, i post, i video, i reel e pressoché qualsiasi frammento di contenuto che pubblichi.

Questi strumenti garantiscono una buona copertura in termini di account raggiunti. È possibile, di fatti, entrare in contatto con migliaia di persone spendendo poco meno di 100€.

Inoltre, è possibile personalizzare la copertura con parametri specifici frutto della tua analisi di marketingprecedente all’acquisto dei servizi pubblicitari. In questo modo, è possibile aumentare le probabilità di convertire un utente come tutti gli altri in un follower.

Tuttavia, il grosso limite è che gli utenti conoscono molto bene le dinamiche di questi mezzi di promozione. Sanno riconoscere subito una pubblicità in mezzo alle storie e, prontamente, la saltano con una frequenza notevole.

Dunque, puoi provare a catturare l’attenzione con un’immagine thumbnail efficace. Ciò potrebbe, comunque, non bastare.

Ricorda, infatti, che gli strumenti di Instagram hanno un costo accessibile ma superiore ad altri mezzi di recente introduzione.

Piattaforme di servizi di social media

Abbiamo visto la “tradizione”, adesso vediamo l’innovazione.

Ad oggi, esistono numerose piattaforme di social media che offrono una varietà di servizi per accrescere le proprie metriche.

Sono strumenti pubblicitari a basso costo che offrono seguaci che sembrano reali al 100%. Il vantaggio: vedrai subito i benefici e la crescita del tuo account.

Di fatti, queste nuove strategie assicurano a chi le acquista un incremento dei propri numeri nel giro di massimo due settimane. Nel mentre, è possibile proseguire con la pubblicazione dei propri contenuti, dando l’idea che si stia crescendo gradualmente e generando, inoltre, una reazione a catena positiva di ulteriori interazioni.

L’unica accortezza: non esagerare in una volta sola con questi servizi. È meglio acquistare poco per volta, dilazionando le spese nel corso del tempo.

Collaborazioni a pagamento

Le cosiddette “paid partnership” con altri influencer sono un mezzo ormai affermato che continua ad avere molto successo.

Di fatti, instaurare una collaborazione consente a entrambe le pagine social di ottenere esposizione ai follower dell’altra. È una situazione win-win per tutte le parti coinvolte.

Ovviamente, più è alto il numero di follower dei profili social in questione e maggiore è la visibilità che entrambi ricevono. Inoltre, questo alza notevolmente il prezzo.

Scopri quanto guadagna Chiara Ferragni con un solo post. Chissà quanto costa una collaborazione con lei…

Guest post

Una buona strategia, specialmente per chi offre servizi legati al digital marketing, è quella di collaborare con altri siti per la pubblicazione di guest post (ossia, degli “articoli ospite”).

In tal modo, è possibile trattare di un particolare argomento e provare a posizionare un link alla propria pagina social.

In tal modo, chi effettua ricerche e capita su un particolare articolo può scoprire qualcosa di nuovo, farsi un giro sulla pagina e, se piace, diventare un follower.

Il costo è abbastanza alto, ma se il tuo budget è superiore ai 15.000€ allora potresti pensarci.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium