/ Ambiente

Ambiente | 18 settembre 2022, 07:00

La Métropole Nice Côte d’Azur adotta un piano di “sobrietà energetica”. Le misure

Christian Estrosi: “Un progetto collettivo grazie alle soluzioni globali condivise con tutti gli attori privati, per garantire tutti i servizi senza pregiudicare le attività sportive, culturali, turistiche e ambientali e garantire la continuità dei nostri servizi pubblici”

Scorcio di Nizza

Scorcio di Nizza

Christian Estrosi, Sindaco di Nizza ha presentato il piano di sobrietà energetica della Métropole Nice Côte d’Azur definito: "Un progetto collettivo e positivo grazie alle soluzioni globali che abbiamo condiviso con tutti gli attori privati, per garantire tutti i servizi senza pregiudicare le attività sportive, culturali, turistiche e ambientali e garantire la continuità dei nostri servizi pubblici".

 

Per preparare questo piano si sono riuniti i principali rappresentanti del mondo economico ed i sindaci della Métropole che hanno sottoscritto l’impegno a ridurre del 10% i consumi energetici da quest’autunno.

Sono diverse le misure che verranno adottate:

  • Riduzione della superficie dei locali amministrativi: 18 mila metri quadrati in meno in 3 anni;
  • Veicoli per il 90% elettrici entro il 2026 per la flotta della Métropole;
  • Piano di razionalizzazione degli immobili e dei veicoli sia a Nizza sia nel territorio metropolitano prima pianificato in 5 anni, sarà realizzato in due anni;
  • Consumi ridotti sulla rete di illuminazione pubblica mediante lo spegnimento delle facciate dei musei e dell'illuminazione decorativa della Città e della Metropoli tra le 23 e le 5.
  • Distacco delle dotazioni stradali non essenziali tra le 23 e le 5, senza rischi per i pedoni.

 


Queste le misure per ridurre i consumi i consumi elettrici del 18% entro il 2026 e aumentare la quota di energia rinnovabile al 18%:

  • Sviluppo del teleriscaldamento in tutta l’area metropolitana;
  • Sviluppo del solare fotovoltaico in aumento di 110 GWh/anno entro il 2026 con la fornitura di superfici pubbliche ed edifici per i progetti privati. Un invito a manifestare interesse sarà lanciato quest’autunno per creare un ecosistema solare;
  • Rilancio dell'energia idroelettrica;
  • Rafforzamento della riqualificazione energetica degli edifici e delle abitazioni.


A partire dal prossimo Consiglio Metropolitano, la Métropole provvederà a:

  • Svincolare l'aiuto di 4.000 euro per il finanziamento degli audit energetici;
  • Aumentare a 6.000 euro del contributo per la sostituzione delle caldaie termiche con pompe di calore;
  • Avviare un sistema di sostegno alla riqualificazione energetica degli edifici dotato di 1 milione di euro/anno.

Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium