/ Business

Business | 04 novembre 2022, 14:47

Gli effetti quotidiani positivi dell’assunzione di cannabis

La legge n. 242 del 2016 ha dato il via alla New Canapa Economy

Gli effetti quotidiani positivi dell’assunzione di cannabis

La legge n. 242 del 2016 ha dato il via alla New Canapa Economy: in breve, la cannabis light ha adesso libero corso e può essere assunta in vari modi dai consumatori, che possono trarne benefici integrandola nelle proprie abitudini e routine quotidiane. È proprio l’introduzione, anche a livello legislativo, del concetto di canapa leggera a distinguere quest’ultima dalle varianti di marijuana che restano illegali, dunque al di là della libera circolazione sul territorio italiano.

La definizione della cannabis light è prima di tutto chimica e si fonda su ridottissime percentuali di tetraidrocannabidiolo THC e su concentrazioni più alte di cannabinolo CBD. Da questo equilibrio derivano direttamente l’assenza di effetti psicotropi nella cannabis light e la presenza, al contrario, di benefici derivanti dalla sua assunzione.

I benefici dell’assunzione della canapa

Il concetto di New Canapa Economy non esisterebbe se la legalizzazione avvenuta nel 2016 non permettesse la distribuzione di un prodotto, quale sarebbe la cannabis light, capace di innescare dei benefici diretti sul consumatore. Alcuni di questi effetti positivi sono già riscontrati, mentre altri sono ancora oggetto di studi scientifici, volti a confermare o smentire la possibile applicazione su nuovi livelli della canapa leggera.

La positività di questi effetti deriva tutta dalla forte presenza di CBD nella cannabis light, che permette appunto di contrastare l’azione psicotropa delle ridottissime quantità di THC presenti, e allo stesso tempo garantisce alcune proprietà benefiche al prodotto, che può essere assunto in molte forme diverse.

Alcuni di questi benefici si esercitano direttamente sul corpo del consumatore: tra le proprietà che si distinguono, possono essere ricordate quelle analgesiche, che rendono i derivati della marijuana light preziosi in caso di infiammazioni e indolenzimenti, come quelli legati ad esempio a sessioni di allenamento o a competizioni sportive molto intense.

Proseguendo, sono state riscontrate nella canapa leggera delle proprietà antiemetiche che renderebbero la cannabis light ideale per contrastare sensazioni di nausea e vomito particolarmente fastidiose. Infine, l’utilizzo della cannabis può stimolare l’appetito e ridurre l’insonnia, migliorando dunque sensibilmente la qualità della vita del consumatore che la usa per contrastare problemi legati al sonno o all’alimentazione.

Altre proprietà positive della cannabis light

Alcuni studi hanno iniziato a segnalare proprietà positive in ambito psichico e psichiatrico: secondo queste teorie, la cannabis light avrebbe degli effetti benefici nel trattamento di malesseri legati a forti livelli di ansia e panico, così come potrebbe esercitare un controllo sui sintomi del morbo di Parkinson e della sindrome di Tourette.

Guardando in primo luogo ai disturbi d’ansia, l’olio di CBD si è dimostrato prezioso anche per le sue applicazioni nella sfera sessuale, poiché riduce notevolmente l’ansia da prestazione. Questo dato, riscontrato in molti consumatori, unitamente alle proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche già da tempo appurate, garantirebbe un miglioramento notevole della qualità dei rapporti in chi solitamente soffre di fastidi durante il sesso. In ogni caso, chiunque desideri di approfittare degli effetti sessuali del CBD è tenuto a preoccuparsi della qualità del prodotto selezionato e della materia prima utilizzata per la sua produzione.

Allo stesso tempo, le qualità del CBD si rivelerebbero utili nel contrasto dei disturbi ossessivo-compulsivi, così come nel contenimento dei disturbi post-traumatici da stress. Ulteriori studi sono oggi orientati a confermare gli effetti del cannabidiolo sul controllo di fenomeni epilettici o sul decorso della sclerosi multipla, così come sulla cura di diversi tipi di psicosi.

I principali prodotti a base di CBD

Dato l’ampio spettro di applicazioni del cannabidiolo CBD presente nella cannabis light, molte delle quali riguardanti anche la lotta a disturbi o disagi riscontrabili nel quotidiano dei consumatori, è logico chiedersi quali derivati della canapa leggera possano permettere di approfittare di questi benefici, siano essi energizzanti per il corpo o rilassanti per la mente.

Oggi, infatti, in virtù della liberalizzazione innescata dalla legge 242 del 2016, i derivati della canapa leggera sono molti e riempiono una vasta quantità di categorie: queste possono spaziare dalla cosmetica agli alimenti di varia natura, andando dunque da prodotti per la cura della persona e del corpo, a integratori alimentari a base di CBD capaci di favorire una dieta equilibrata. Com’è ovvio, vale sempre l’accortezza di verificare che il prodotto utilizzato rientri, per composizione chimica, nella gamma dei derivati della sola canapa leggera; inoltre, in caso di assunzione di integratori o di altri derivati a base di CBD, si ricorda di consultare sempre il proprio medico prima del consumo.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium