/ Business

Business | 04 novembre 2022, 15:03

Helium (HNT): Il rapporto di Forbes

Una recente indagine pubblicata da Forbes venerdì scorso tende a dimostrare il coinvolgimento di diversi membri del team di Helium nel mining di diversi milioni di token HNT

Helium (HNT): Il rapporto di Forbes

Una recente indagine pubblicata da Forbes venerdì scorso tende a dimostrare il coinvolgimento di diversi membri del team di Helium nel mining di diversi milioni di token HNT. Sebbene la rete si basi molto sul decentramento, sembra che questo principio sia stato disatteso.

Capire meglio Helium

Prima di entrare nel vivo della questione, è importante rivedere i principi fondamentali della rete Helium. Fin dall'inizio, Helium è stato molto apprezzato dal pubblico. Con l'obiettivo di rivoluzionare il collegamento in rete dei dispositivi connessi, il progetto dovrebbe portare la decentralizzazione in un settore che ne è fortemente carente: l'industria mineraria. Grazie al progetto Helium, ogni utente può creare la propria rete. Per proteggere la rete, utilizza il cosiddetto meccanismo di validazione "Proof of Coverage".

La partecipazione alla Prova di Copertura o l'utilizzo della vostra rete da parte di terzi vi dà diritto a pagamenti in HNT, il token del progetto Helium. Tuttavia, il progetto Helium si è fatto conoscere soprattutto per la sua visione dell'attività mineraria. Una visione totalmente decentralizzata per consentire agli utenti di estrarre più facilmente e a costi inferiori. E questo argomento ha sedotto ampiamente gli utenti.

Infatti, passando da Helium e acquistando quello che sembra un router Wi-Fi, gli utenti hanno potuto estrarre i token HNT e generare un reddito passivo. Anche gli investitori sono accorsi al progetto, perché comprendeva investitori prestigiosi come Andreessen Horowitz e Tiger Global.

Helium: un sistema non così decentralizzato...

Ma se Helium sostiene un eccessivo decentramento, sembra che questo principio non sia stato completamente rispettato. Almeno, questo è ciò che tendono a mostrare le transazioni sulla catena.

L'indagine di Forbes tende a dimostrare che i dipendenti, alcuni membri delle loro famiglie o i loro amici avrebbero estratto più di 3,5 milioni di token HNT durante i primi tre mesi di lancio della piattaforma nel 2019. Si tratta di circa 30 portafogli. Nei tre mesi successivi, l'analisi delle transazioni sulla catena mostra anche che questi 30 portafogli hanno estratto più di un quarto dei nuovi token HNT emessi. Dopo soli 6 mesi, quasi la metà dei token HNT era concentrata in questi 30 portafogli e su bitcoin profit iscrizione è possibile anche scambiare altre crypto.

In totale, si tratta di 250 milioni di dollari, al prezzo più alto dell'HNT. Ora, i token totali valgono poco più di 20 milioni di dollari. Anche il mercato orso è arrivato e se n'è andato.

Sebbene sia relativamente comune pagare i proprietari di un progetto, i dipendenti o i primi investitori, la metodologia solleva delle domande. In effetti, il protocollo Helium ha dedicato circa un terzo dei gettoni HNT a questo gruppo di individui. Tuttavia, è chiaro che questo gruppo ha cercato di utilizzarli anche durante le fasi di appalto pubblico. Il rapporto pubblicato da Forbes afferma inoltre che gli insider avrebbero addirittura sfruttato vulnerabilità note solo all'azienda stessa.

Helium è ancora valido?

Nell'agosto 2019, ogni hotspot guadagnava in media 33.000 HNT al mese. Oggi questo livello è sostanzialmente diminuito, poiché ogni hotspot genera in media solo 2 HNT al mese.

Oggi, la maggior parte dei guadagni della piattaforma proviene dall'acquisto di nuovi hotspot. Non da attività estrattive. Queste informazioni sono state rese disponibili solo pochi giorni dopo l'annuncio del passaggio della blockchain a Solana. Per motivare questo cambiamento, i vettori del progetto citano la scalabilità della rete. Al momento in cui scriviamo, il token HNT viene scambiato a 4,66 dollari.

Partnership esagerate con altre aziende!

Helium è stata criticata anche per la sua politica di comunicazione dei partner. In diverse occasioni, la piattaforma ha comunicato i suoi partner. Tra questi, la rete propone spesso i nomi di Salesforce o di Lime, l'azienda di scooter elettrici self-service. Partenariati che in realtà sembrano piuttosto esagerati.

In effetti, queste due società hanno dichiarato di non utilizzare Helium. L'indagine illustra anche la difficoltà dell'azienda a generare entrate. Nonostante le polemiche, Helium sta ancora pianificando il lancio di nuovi progetti. Tra questi progetti futuri, il marchio potrebbe collaborare con DISH e T-Mobile per gestire la rete 5G.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium