/ Ambiente

Ambiente | 07 luglio 2024, 19:00

Qual é il rischio che corre questa settimana chi soffre di allergie?

Non solo graminacee, anche i pollini di ortica, platano e acetosella si danno da fare!

Gorge de la Vésubie, fotografie di Danilo Radaelli

Gorge de la Vésubie, fotografie di Danilo Radaelli

Qual é il rischio che corre questa settimana chi soffre di allergie? Il bollettino emesso dal Réseau National de Surveillance Aérobiologique (R.N.S.A.) che si basa sui siti di rilevazione, sulle segnalazioni dei medici sentinella e sulle previsioni meteo fornisce un’indispensabile informazione.

Questo il testo del bollettino settimanale
I pollini delle graminacee non conoscono le vacanze: all'inizio di luglio le concentrazioni di polline rimangono abbastanza elevate e provocano un elevato rischio di allergie in quasi tutti i dipartimenti della Francia.

Solo pochi dipartimenti sono a medio rischio di allergia.

Dopo un temporaneo miglioramento tra giovedì e venerdì con un aumento delle temperature, venerdì arriverà una perturbazione che porterà aria più fresca da Nord-Ovest.

Le piogge daranno tregua a chi soffre di allergie depositando polline sul terreno. Attenzione però al rischio temporali per gli asmatici.

Durante i temporali, infatti, la concentrazione dei pollini aumenta rapidamente in prossimità del suolo con i forti venti discendenti che portano il polline delle graminacee dagli strati superiori dell'aria agli strati prossimi al suolo.

A causa dell'elevata umidità dell'aria, delle raffiche di vento e delle variazioni del campo elettrico dell'atmosfera, i pollini si riempiono d'acqua e scoppiano.

Ciò si traduce in sottili particelle allergeniche che possono penetrare ancora più in profondità nei polmoni. Questo fenomeno può scatenare gravi attacchi di broncospasmo.



Il rischio di allergia sarà inferiore per altre piante erbacee come l'ortica (famiglia delle Urticacee), il platano e l'acetosella, nonché per il polline degli alberi ancora in fiore come querce, castagni, tigli e ulivi.

Consigli pratici
Chi soffre di allergie può seguire questi consigli pratici per proteggersi meglio dai pollini e limitare la propria esposizione: consultare regolarmente i siti internet specializzati, sciacquare i capelli la sera, aerare l'alloggio prima dell'alba e se possibile dopo il tramonto, evitare di asciugare la biancheria all'aperto, tenere i finestrini dell'auto chiusi per evitare che i pollini entrino nell'abitacolo, indossare una mascherina all'aperto, evitare attività sportive all'aperto che comportino una sovraesposizione ai pollini.



Questa la sintesi del bollettino settimanale emesso dal Réseau national de surveillance aérobiologique per le Alpes-Maritimes:

  • Graminacee – Rischio moderato
  • Ulivo – Rischio basso
  • Platano – Rischio basso
  • Parietaria – Rischio basso

Beppe Tassone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium