Ambiente - 18 novembre 2020, 19:00

Il ficus strangolatore di Menton in lizza nel concorso l’albero più bello del 2020

L’albero si trova nel Jardin Elisée-Reclus, ha 150 anni ed è alto 15 metri. Il link per votare

Il Ficus Macrophylla di Menton

Il Ficus Macrophylla di Menton

Anche Menton partecipa ad un concorso indetto in Francia per individuare l’albero più bello del 2020.

La scelta è tra 14 alberi individuati tra circa 300 che erano stati iscritti al concorso ed è l’unico della Regione Provence-Alpes-Côte d'Azur a gareggiare.

Si tratta di un “Ficus Macrophylla” (detto anche albero strangolatore) che si trova nel Jardin Elisée-Reclus ed è un esemplare alto 15 metri e di 9,20 metri di circonferenza.

Le votazioni sono aperte fino al 4 gennaio, l’albero vincitore parteciperà al concorso “Albero europeo dell'anno”. Per votare è sufficiente cliccare qui
 
La giuria é composta dal giornale Terre Sauvage, dall’Office national des Forêts, dall’association A.R.B.R.E.S, dalla LPO e dall’Agence des espaces verts de la Région Île de-France.

Ecco la “scheda” del ficus macrophylla

Descrizione
Albero del 1870, è alto più di 15 metri circa e la sua circonferenza è di 9,20 m

Estetica
Questo albero ha un aspetto storto con le sue radici aeree ripiantate nel terreno e le sue radici striscianti visibili. Il suo fogliame è verde scuro nella parte superiore delle foglie e rosso sul retro

Storia
Albero sempreverde della famiglia delle Moraceae, è originario dell'Australia orientale e in particolare del Queensland e del New South Wales. Un campione è stato riportato e descritto nel 1804 da René Louis Desfontaines. Nel 1807, Christian Hendrik Persoon ne fece una descrizione ufficiale nella sua opera Synopsis Plantarum.

Macrophylla dal greco "makro" foglia grande e "phyllon", in riferimento alle sue grandi foglie. Questo epiteto lo distingue dalla specie rubiginosa che è molto simile ma con foglie più piccole. Si trova in pieno sole nelle foreste pluviali costiere o nelle foreste tropicali e subtropicali, fino a 2000 metri di altitudine nel suo habitat originale.

La sua tolleranza al gelo può raggiungere i -8 ° C ma i giovani germogli muoiono a 0 ° C.

È una pianta epifita da cui il nome di fico strangolatore. Le sue dimensioni possono raggiungere i 60 metri di altezza nel paese di origine, ma nella Francia continentale raggiungeranno i 20-35 metri al massimo.

Le sue foglie sempreverdi sono grandi e lunghe da 10 a 25 cm da 7 a 10 cm, ovali ed ellittiche, coriacee, verdi con una parte inferiore argento rossastra. Produce un lattice in caso di taglio o graffio.

I frutti sono piccoli fichi di 2 cm, commestibili ma molto duri e poco piacevoli. Cadono in abbondanza in estate, contemporaneamente alle foglie che si rigenerano. Il caratteristico aspetto imponente del Ficus macrophylla è dovuto allo sviluppo delle sue radici aeree ramificate, che si uniscono al terreno e si trasformano in altrettanti tronchi aggiuntivi, formando così dei pilastri che aiutano a mantenere il peso della parte superiore dell'albero.

È un albero che richiede molto spazio per crescere. Essendo una pianta assetata di acqua, non dovrebbe essere piantata in terreni poveri di acqua, né in aree urbane perché le radici possono distruggere tubi e altre reti. Gli aborigeni usavano le sue fibre per la fabbricazione di reti da pesca. Nel suo paese di origine, è un'importante fonte di cibo per animali selvatici: uccelli, pipistrelli.




Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU