Altre notizie - 21 febbraio 2021, 07:00

Covid: Nizza e Alpi Marittime verso un confinamento totale? (Foto)

Il Ministro della salute Olivier Véran constata a Nizza la situazione ormai ai limiti della sostenibilità con gli ospedali saturi e 500 malati aggiuntivi ogni giorno. Gravi ricadute anche per quanto concerne le malattie mentali. In arrivo migliaia di dosi aggiuntive dei vaccini Pfizer e soprattutto AstraZeneca che si è rivelato particolarmente efficace per combattere la variante inglese

Nonostante la pandemia il bel tempo attira molte persone sulle spiagge di Nizza, foto di Ghjuvan Pasquale

Nonostante la pandemia il bel tempo attira molte persone sulle spiagge di Nizza, foto di Ghjuvan Pasquale

Entro stasera si dovrebbero conoscere le ulteriori misure sanitarie che saranno imposte a Nizza e nel Dipartimento delle Alpi Marittime dove il Covid 19, soprattutto nella variante inglese, ha raggiunto i più alti livelli di propagazione di tutta la Francia.

La diffusione si attesta intorno a 751 persone ogni 100mila abitanti, numeri veramente impressionanti.
Ogni giorno, nel Dipartimento, si contano 500 nuovi malati, gli ospedali sono saturi e il Ministro della Salute Olivier Véran, giunto a Nizza ieri mattina, non ha potuto che constatare una situazione grave che, non lo ha nascosto, “lo inquieta parecchio”.

 

Al punto che non è da escludersi che la città passi ad un confinamento totale nelle prossime ore o a misure equivalenti per cercare di far scendere il livello di infezione che, da tre quartieri cittadini, si sta diffondendo in tutta la città.

Proprio su questi 3 quartieri (Ariane, Moulins e Bon Voyage) è stato puntato il dito da parte dei sanitari che si sono incontrati col Ministro e col Sindaco di Nizza, Christian Estrosi, sottolineando come vi siano difficoltà nel far rispettare, anche alle persone infette, i gesti barriera.
Un rinforzo ulteriore, nei tre quartieri, delle forze di polizia pare essere all’ordine del giorno.

 

Il ministro ha annunciato che, in via di emergenza, come già avvenuto nella Mosella, domani verranno inviate 3.500 dosi aggiuntive del vaccino Pfizer e che, a partire dai giorno successivo, giungeranno migliaia di dosi del vaccino AstraZeneca che si è rivelato particolarmente efficace per combattere la variante inglese, ormai dominante in tutto il Dipartimento.

Nonostante le operazioni di screening siano state doppie rispetto alla media nazionale, le operazioni di depistaggio saranno ancora incentivate e il Ministro ha annunciato che, alla ripresa dell’attività scolastica, gli alunni saranno sottoposti ad un’operazione di massiccia di test salivari.

Una nuova preoccupazione sta emergendo, a margine di quella del Covid 19, ed la crescita delle malattie mentali: da parte del Sindaco di Nizza e dei sanitari é stato chiesto un incremento del numero di psichiatri e psicologi sul territorio per aiutare le persone che, ormai sfiancate dalla lunga epidemia, dal timore ed anche dai lutti stanno cedendo sotto il profilo mentale.

Secondo Christian Estrosi nel giro di poco tempo i problemi psichiatrici si riveleranno ancora più importanti di quelli del virus stesso.

Verranno rinforzati, infine, i controlli per il rispetto delle normative, il tutto mentre sempre più aerei ed ambulanze trasferiranno altrove i malati per i quali ormai si sono esauriti i posti negli ospedali del Dipartimento.  






Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU