Ambiente - 23 febbraio 2021, 18:00

Costa Azzurra: alla scoperta del territorio. Saint Martin du Var (Foto)

Montecarlonews propone luoghi, itinerari, passeggiate alla scoperta del Dipartimento delle Alpi Marittime. Le foto sono di Danilo Radaelli

Saint Martin du Var, fotografie di Danilo Radaelli

Saint Martin du Var, fotografie di Danilo Radaelli

Una pedalata fino a Saint Martin du Var, all’interno del territorio della Métropole Nice Côte d'Azur: è quello che ci propone questa volta Danilo Radaelli che ci offre una serie di fotografie del villaggio.

Saint Martin du Var si trova nel punto d’incontro di valli del Var, Esteron, Vésubie e Tinée, è un comune recente, costruito su terreni sottratti al Var grazie all’arginatura della sponda sinistra, realizzata a metà XIX secolo.

 

La cittadina è cresciuta molto e oggi è in pieno sviluppo economico. Le passeggiate sulle alture del villaggio offrono un magnifico panorama sulla confluenza del Var e del Estéron.

Da vedere: Il vecchio villaggio, le due grandi piazze (XVIII – XIX secolo), la chiesa St Roch (e i suoi dipinti di XVII secolo), il memoriale (Art Deco), la cappella di Notre Dame Del Bosc in stile Romanico.

 

Fin dall'epoca longobarda nel territorio operarono i monaci benedettini di San Colombano che già avevano fondato nel cuneese l'abbazia di San Dalmazzo di Pedona, nel VII secolo l'abbazia di Taggia e nel VIII secolo a Nizza il monastero di Cimiez.

 

Essi operavano in raccordo e con scambio di merci attraverso i valichi con i monaci dell'abbazia di Lerino, che da monaci eremiti avevano accolto in epoca longobarda la regola cenobitica di san Colombano diffondendosi anche fuori dall'isola, dalla costa da Ventimiglia fino a Seborga; furono monaci famosi per la cultura, lo studio ed il lavoro, e per la riapertura di vie commerciali, la coltivazione intensiva con nuove tecniche agricole, bonifiche terriere e terrazzamenti, e la conservazione degli alimenti; tutte le fondazioni accoglieranno verso il IX secolo la regola benedettina.

Nell'XI secolo come per il monastero di Cimiez, passò alle dipendenze dell'abbazia di Saint-Pons di Nizza.


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU