Altre notizie - 08 aprile 2021, 07:00

Covid, a Cannes parte la campagna per diffondere l’uso degli autotest

Già diffusi tra i servizi municipali e nelle residenze socio assistenziali, gli autotest saranno in libera vendita nelle farmacie dal 12 aprile. Come si usano, a chi sono rivolti

Covid, a Cannes parte la campagna per diffondere l’uso degli autotest

Cannes vuole trasformarsi in una città pilota nell'utilizzo degli autotest nella lotta sempre più serrata per individuare il prima possibile le infezioni da Covid 19.

La città fin dal 1° aprile si è dotata di autotest nasali, forniti ai propri dipendenti ed ai visitatori delle case di riposo e delle residenze socio assistenziali: si tratta di uno strumento di screening semplice e veloce, che in poco meno di venti minuti, è in grado di fornire il proprio responso.

Gli autotest saranno disponibili per la vendita a partire dal 12 aprile e la città di Cannes si appresta ad avviare una campagna per sensibilizzare l'opinione pubblica su questo nuovo strumento.

L’obiettivo è quello di favorire lo screening di tutte le persone asintomatiche di età superiore ai 15 anni che si recano in luoghi ad alta densità, che hanno frequenti rapporti con altre persone o che vogliono accrescere la serenità nella propria sfera privata.

Secondo l’amministrazione comunale, come ha sottolineato il sindaco David Lisnard, si tratta di “Autentici strumenti di prevenzione collettiva e costituiscono una rivoluzione nella strategia per combattere il Covid-19, in particolare per la loro facilità di utilizzo e la rapidità dei risultati. Effettuare un auto test prima di vedere i parenti o andare a lavorare è un atto civico e responsabile”.

Per questa ragione, parallelamente alla campagna di vaccinazione svolta nei nostri centri comunali, a Cannes inizia la campagna per incoraggiare gli auto test al fine di identificare i portatori del virus il più rapidamente possibile, evitare nuove catene di diffusione e facilitare la ripresa della vita economica e sociale.

Per il momento, solo le farmacie sono autorizzate dal governo a commercializzare gli autotest al pubblico a partire da lunedì 12 aprile: a seguito del parere favorevole della Haute Autorité de Santé (HAS) emesso il 16 marzo, il Comune di Cannes ne ha immediatamente ordinato il 18 marzo un primo lotto.

Così, oltre al suo stock di 10 mila test antigenici, il Comune sta ora fornendo autotest ai propri dipendenti così da garantire la continuità dei servizi pubblici ed assicurare la protezione delle persone.

Inoltre, una prima dotazione di autotest è stata consegnata alle strutture socio assistenziali e alle case di riposo pubbliche e private nonché alle tre residenze del Centre Communal d'Action Sociale (CCAS) per offrire un rapido test ai propri visitatori in attesa la disponibilità di autotest nelle farmacie.
In molti Paesi ormai da diverse settimane gli autotest stanno riscuotendo un fortissimo sostegno, tra questi Germania, Austria, Regno Unito, Canada e Stati Uniti.

Come si usano?
Sono facili facile da usare, basta strofinare l'interno della narice con un batuffolo di cotone. Il tampone viene quindi inserito in una provetta, insieme a poche gocce di un reagente. I risultati sono disponibili in una ventina di minuti, grazie a un kit di lettura.

Quando usarli e a chi sono rivolti?
Affidabili fino al 95%, cioè più degli antigeni e quanto i tamponi RT-PCR, gli autotest non sostituiscono altri dispositivi, ma costituiscono un mezzo complementare di rilevazione e quindi di rapido isolamento dei pazienti.
L’Haute Autorité de Santé consiglia il loro utilizzo alle seguenti persone:

  • Persone asintomatiche di età superiore ai 15 anni.
  • Pazienti sintomatici di età superiore ai 15 anni, fino a quattro giorni dall'insorgenza dei sintomi o quando il prelievo nasofaringeo è difficile o impossibile;
  • Persone di età superiore ai 15 anni che hanno avuto contatti con infetti.  



Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU