Ambiente - 20 luglio 2021, 07:00

Canicola estiva: tutto pronto, pubblicato il piano. Nizza e la Métropole si attivano per intervenire nel caso di ondate di calore

Sono cinque i livelli di allerta. Gli interventi previsti e l’ubicazione delle fontane. Il Plan Canicule integrale

Canicola estiva: tutto pronto, pubblicato il piano. Nizza e la Métropole si attivano per intervenire nel caso di ondate di calore

E’ stato pubblicato sul sito della città di Nizza il Plan Canicule 2021: la stagione estiva avanza e Meteo France vigila sull’aumento delle temperature.

Il “nuovo” plan canicule è pronto, così come le squadre di volontari e di dipendenti della Métropole che sono in grado in ogni momento di entrare in azione per evitare che l’aumento delle temperature possa accrescere i problemi, soprattutto della popolazione anziana, già fortemente provata dalla pandemia.

 

 

Sfogliare il Plan Canicule, che inseriamo nella sua integrità al fondo di questo articolo, consente anche di ottenere una miniera di utili informazioni tra le quali anche quella di conoscere il numero e l’ubicazione delle 155 fontane presenti in città che saranno tutte attive ed in grado di erogare acqua potabile.

Sono cinque i livelli di allerta, ognuno dei quali prevede specifiche azioni e cautele.
Veille saisonnière – colore verde -  Comunicazione preventiva – Va in ogni caso dal 1° giugno al 15 settembre

Pic de chaleur – colore giallo- Episodi persistenti di calore (1 o 2 giorni di calore intenso);

Episode persistant de chaleur – colore giallo- Corrisponde a temperature elevate, indici Biometeorologici (IBM) prossimi o inferiori alle soglie, che persistono nel tempo (più di tre giorni)

Canicule – colore arancione - Periodo di caldo intenso, gli IBM superano le soglie per 3 giorni e 3 notti consecutivi

Canicule Extrême – colore rosso - Ondata di caldo eccezionale per durata, intensità ed estensione geografica.

Le azioni previste

Veille saisonnière – vigilanza verde

L'Institut de Veille Sanitaire e Météo France compiono la loro procedura quotidiana di monitoraggio del clima e della salute. Tutti i servizi interessati, a livello nazionale, dipartimentale e comunale, verificano l'operatività dei sistemi di allerta. Le persone vulnerabili sono monitorate e particolare attenzione è riservata alle date delle loro eventuali partenze in vacanza. Sono diffusi messaggi di raccomandazione sanitaria.


Pic de chaleur – vigilanza gialla
Fase di allerta rinforzata che risponde al livello di vigilanza gialla della mappa meteorologica.
Corrisponde a tre situazioni distinte:

  • Un picco di calore significativo ma occasionale (da uno a due giorni)
  • Temperature prossime alle soglie dell'ondata di caldo ma senza certezza di evoluzione per i giorni successivi
  • Una probabile intensificazione del calore.

L'ARS informa e comunica soprattutto alla vigilia dei fine settimana e dei giorni festivi.

Episode persistant de chaleur (livello giallo)
Temperature elevate che persistono nel tempo (maggiori di 3 giorni) per le quali gli Indici Biometeorologici (IBM) sono prossimi o inferiori alle soglie dipartimentali; queste situazioni costituiscono un pericolo per le popolazioni vulnerabili o sovraesposte, in particolare a causa dell'attività fisica.

Canicule – vigilanza arancione
Si attiva quando Météo France prevede il superamento di temperatura. A seconda dei dati meteorologici locali (per le Alpi Marittime: 31° di giorno e 24° di notte per 3 giorni consecutivi) e dei dati sanitari, il Prefetto di ogni dipartimento può attivare l'allarme ondata di caldo in accordo con l'ARS.
Le misure di gestione per la cura delle persone a rischio sono:
Assistere le persone anziane isolate mobilitando servizi di assistenza domiciliare, associazioni e servizi di assistenza domiciliare, associazioni di volontariato, di concerto con il Consiglio Generale e i Comuni, nell'ambito dell'attivazione del piano sanitario. Allerta ed emergenza a favore dei anziani e disabili in caso di rischi eccezionali (Piano Vermeil),
Assicurare la continuità delle cure con i medici di base e la buona risposta del sistema sanitario,
Mobilitare l'E.H.P.A.D e le Residenze socio assistenziali;
Garantire l'accoglienza delle persone a rischio nei locali refrigerati (supermercati, edifici pubblici, ecc.) d'intesa con l'Agenzia Regionale di Sanità (A.R.S.) e i Comuni,
Affrontare un afflusso di persone in difficoltà nelle strutture sanitarie (Plans Blancs).

Canicule Extrême – vigilanza rossa
È attivata dal Presidente del Consiglio se il fenomeno, per la sua durata, la sua intensità o la sua estensione geografica, porta o rischia di provocare effetti collaterali (difficoltà nella fornitura di acqua potabile o di energia elettrica, saturazione degli ospedali o della catena funeraria). I prefetti di ciascun dipartimento attuano i piani di emergenza.
Viene costituita un'unità interministeriale di crisi.
In ogni caso, il rispetto delle competenze di ciascuno degli attori è essenziale per garantire la corretta attuazione del piano ondata di caldo.
Spetta ai prefetti garantire il coordinamento operativo per l'attuazione del dispositivo " canicule ".



Files:
 Plan Canicule 2021 Nice (4.4 MB)

Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU