Ambiente - 20 giugno 2022, 08:00

Nave da crociera espulsa dal porto di Nizza: inquinamento eccessivo

Si tratta dell’Aegean Odyssey con 300 crocieristi a bordo. Partita nel cuore della notte dopo la decisione della Capitaneria di porto

La foto postata sulle reti sociali da Christian Estrosi

La foto postata sulle reti sociali da Christian Estrosi

C’è sempre una prima volta, in tutto: l’altra notte una nave da crociera con 300 ospiti a bordo, oltre al personale di servizio, è stata costretta a lasciare, in fretta e furia, il porto di Nizza e fare rotta verso un altro scalo.
Il motivo: l’eccessivo inquinamento prodotto per assicurare il funzionamento dei servizi interni.

 

Si tratta dell’Aegean Odyssey, giunta il mattino dal porto di Ajaccio: a Nizza si sarebbe dovuta fermare due notti, ma l’eccessivo fumo prodotto ha allarmato sia i responsabili del porto, sia i cittadini che vivono nella zona.

Così, per la prima volta, è stata utilizzata una normativa che consente, in caso di disturbo alla quiete pubblica, di invitare un battello a lasciare il porto ove era ormeggiato.

La decisione è stata assunta di concerto dalla Capitaneria di porto, sollecitata dalla Olivier Bettati che dirige la “Mission port”, sentito Christian Estrosi in quanto la Métropole é comproprietaria del porto.

 

Il capitano del battello è stato invitato a lasciare senza indugio il Port Lympia: recuperati i passeggeri che erano scesi a Nizza, verso mezzanotte il battello è partito, dopo aver trovato un porto disponibile ad accoglierlo e si è diretto a Seyne sur-Mer, nel Var, dopo che anche Cannes aveva respinto la richiesta di ancoraggio per le medesime ragioni.

La nave Aegean Odyssey (IMO: 7225910, MMSI: 374757000) è una nave passeggeri costruita nel 1973 che naviga attualmente sotto bandiera di Panama: è lunga 140 metri e larga 20.
La vicenda pare destinata a non finire qui: l’armatore greco ha vivamente protestato, ha sottolineato i danni causati dalla decisione e minacciato di adire le vie legali.


Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU