Ambiente - 04 febbraio 2024, 19:00

Attenzione ai pollini! Il bollettino settimanale delle allergie

I pollini di cipressi, ginepri, tuie salgono in potenza nell’area del Mediterraneo, favoriti da temperature oscillanti tra 19 e 25 gradi, accompagnati da un forte Mistral

Antibes, fotografie di Danilo Radaelli

Antibes, fotografie di Danilo Radaelli

I pollini sono sempre più presenti nell'aria con una forte crescita. Gli alberi sono in piena fioritura, approfittando delle condizioni anticicloniche e delle temperature sopra la media stagionale, che persisteranno nella prossima settimana.

Questo il testo del bollettino settimanale

Le concentrazioni di polline nell'aria saranno da moderate a forti, richiedendo una maggiore attenzione da parte degli allergici.

I pollini di Cupressacee (cipressi, ginepri, tuie) salgono in potenza particolarmente nell’area del Mediterraneo, favoriti da temperature oscillanti tra 19 e 25 gradi, accompagnati da un forte Mistral.

Il rischio di allergia rimane elevato in questi dipartimenti e dovrebbe durare per diverse settimane fino a fine marzo.

 

Nel sud-ovest, il rischio di allergie per questi pollini è medio e potrebbe persino raggiungere un livello elevato a febbraio se le condizioni meteorologiche lo consentiranno.

I pollini di Cupressacee, noti per la loro elevata allergenicità, possono causare numerosi disturbi oculari, nasali e persino respiratori.

Le mimose (acacie) fioriscono nel sud con possibili allergie di prossimità. I pollini delle parietali (Urticacee) sono responsabili di un rischio di allergia di basso livello intorno al Mediterraneo.


I frassini non sono da meno, emettendo anche i loro pollini allergenici, con un rischio basso-medio. Allo stesso modo, i noccioli (famiglia delle Betullacee) diffondono i loro pollini attraverso la Francia, presentando un rischio medio che potrebbe rapidamente salire ai livelli elevati nel nord-est del paese.

Gli ontani (stessa famiglia dei noccioli) si apprestano a seguire il movimento, con un rischio da basso a medio a livello locale, ma occorre restare vigili di fronte all'aumento delle concentrazioni nei prossimi giorni come prevedono le analisi.

Ecco alcuni consigli pratici per proteggersi dal polline forniti dal sito internet del Réseau national de Surveillance Aérobiologique: lavare i capelli la sera, ventilare almeno 10 minuti al giorno prima dell'alba e dopo il tramonto, evitare di asciugare i vestiti all'esterno, tenere chiusi i finestrini delle auto.



Questa la sintesi del bollettino settimanale emesso dal Réseau national de surveillance aérobiologique per le Alpes-Maritimes:

  • Cupressaceae - (Cipresso) Rischio elevato
  • Frassino  - Rischio moderato
  • Ontano -  Rischio Basso

Beppe Tassone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU