/ Business

Business | 14 marzo 2024, 08:13

A Monaco la conferenza PropTech: impatti e sfide nel Principato e nel mondo

Il settore immobiliare è sempre stato considerato un pilastro cruciale dell'economia monegasca, rappresentando quasi il 20% del PIL e impiegando più del 15% della forza lavoro

La conferenza PropTech

La conferenza PropTech

Nell'ambito del programma Extended Monaco, il Governo del Principe e il Monaco Economic Board hanno organizzato martedì, presso lo Yacht Club di Monaco, la terza edizione di una conferenza dedicata alla PropTech.

Sostenuta dalle organizzazioni professionali del settore - la Camera Immobiliare, la Camera Patronale dell'Edificio, il Sindacato dei Promotori e l'Ordine degli Architetti -, la conferenza ha riunito numerosi esperti locali e internazionali della PropTech, un movimento al crocevia tra il settore immobiliare e quello digitale che si impegna a ripensare l'intera catena del valore immobiliare.

Il settore immobiliare è sempre stato considerato un pilastro cruciale dell'economia monegasca, rappresentando quasi il 20% del PIL e impiegando più del 15% della forza lavoro.

Negli ultimi anni il settore ha anche subito notevoli cambiamenti a causa del potere trasformativo delle tecnologie digitali.

"Il settore immobiliare è un asse fondamentale della nostra economia e sta vivendo una vera e propria trasformazione strategica con l'avvento del digitale e più recentemente dell'intelligenza artificiale. Per accompagnare questo importante cambiamento, il Governo, in collaborazione con il Monaco Economic Board, le diverse camere e l'ESCP, nostro partner accademico, desidera fare di Monaco un centro europeo della tecnologia applicata al settore immobiliare, la PropTech", ha ricordato nell'introduzione Frédéric Genta, Delegato Interministeriale all'Attrattività e alla Transizione Digitale.

Nel corso degli scambi, diversi attori locali e internazionali PropTech, alcuni dei quali di fama internazionale, hanno potuto condividere la loro visione e presentare le loro soluzioni. Tra di loro: 

- Lo studio di architettura Foster & Partners, fondato da Sir Norman Foster, in origine 

in particolare dello Yacht Club di Monaco, del Viadotto di Millau o della Grande Corte del British Museum, hanno riportato i loro lavori che plasmano il futuro dell'architettura attraverso un design innovativo e l'integrazione tecnologica d'avanguardia nei loro progetti;

- Le start-up Oghji, YouStock e Net0, tutte e tre incubate a Monaco Tech, hanno esposto la loro strategia per ridurre l'impronta di carbonio e ottimizzare l'efficienza energetica degli edifici.

- il fondo d'investimento A/O Proptech, specializzato nell'individuazione e nello sfruttamento delle opportunità offerte dalle innovazioni tecnologiche nel settore immobiliare;

- La società Club Funding, una piattaforma d'investimento di nuova generazione, esperta in finanziamenti immobiliari partecipativi per i privati.

"Questa conferenza ci ricorda l'importanza del settore immobiliare in patria e all'estero e ha portato alla luce le promettenti prospettive che la PropTech può offrire. Abbracciando l'innovazione e sfruttando il potenziale delle nuove tecnologie, possiamo plasmare un futuro immobiliare efficace, economicamente più sostenibile e soprattutto più sostenibile", ha sottolineato Guillaume Rose, Direttore del Monaco Economic Board. 

L'occasione, infine, per il Governo del Principe, in collaborazione con l'ESCP Business School, di presentare la 4a edizione del suo barometro dedicato al mercato mondiale della PropTech (accessibile sul sito Extended Monaco per l'Impresa: eme.gouv.mc).

 

Cesare Mandrile

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium