/ Immobiliare

Immobiliare | 22 febbraio 2023, 08:00

Affitti di corta durata (sotto i 120 giorni): le regole

Ogni mercoledì Montecarlonews dedica un articolo al settore immobiliare, perché essere informati è meglio. Una rubrica al “vostro servizio”

Cannes, uno scorcio. Fotografia di Danilo Radaelli

Cannes, uno scorcio. Fotografia di Danilo Radaelli

Si chiama “location de courte durée” quella che occupa un appartamento per non più di 120 giorni l’anno.

Le regole per poterlo fare, nel rispetto delle normative e dei regolamenti che la maggior parte dei comuni si è dato, prevedono il rispetto di una serie di comportamenti che si differenziano a seconda dei casi.

Abitazione principale (quella dove si ha la residenza anagrafica)
Si può affittare per non più di 120 giorni l’anno, ma solo dopo essersi registrati in municipio.

Abitazione secondaria (quella di regola utilizzata per il proprio tempo libero e dove non si ha la residenza anagrafica)
È necessario segnalare al Municipio l’intenzione di procedere ad affittare il proprio alloggio come “meublé de tourisme”. Nei comuni con popolazione superiore ai 200 mila abitanti è obbligatorio chiedere ed ottenere la modifica di destinazione d’uso dell’alloggio. Richiesta che non può essere validata se non lo consente il regolamento della comproprietà o, comunque, se il fabbricato (sempre nel regolamento) è definito “bourgeois”. La locazione, se autorizzata, genera l’obbligo di versamento della tassa di soggiorno.

Beppe Tassone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium