/ Altre notizie

Altre notizie | 16 gennaio 2024, 17:00

Drogarsi a basso prezzo: il consumo di protossido di azoto cresce esponenzialmente. Un vero flagello fra i giovani

Cartucce se ne trovano ormai dappertutto, nei parchi, lungo le strade e sulle spiagge. Gli effetti e il danno che producono

Cartucce di protossido di azoto

Cartucce di protossido di azoto

Un altro allarme, questa volta rivolto ai più giovani, è scattato in Costa Azzurra.
Da tempo viene segnalata un’abnorme vendita di cartucce di protossido d’azoto: si possono acquistare facilmente, a basso costo, anche un euro, nei supermercati.

L’incremento è “spaziale”, negli scorsi anni ha toccato anche il 247%, percentuale che sottolinea la gravità della situazione.

Ormai le cartucce “vuote” si vedono ovunque, se ne trovano un po’ in tutti gli spazi pubblici della Costa Azzurra, abbandonate anche a decine per terra: si tratta di un gas esilarante che normalmente viene utilizzato in cucina per montare la panna o in odontoiatria, ma che molte persone, soprattutto giovani, acquistano approfittando del basso costo e poi utilizzano con scopi ben diversi da quello gastronomico o medico.

 

 

A nulla sembra valere il provvedimento adottato, anche nelle Alpi Marittime, lo scorso anno dal Prefetto che prevede il divieto di vendita ai minori e l’utilizzo negli spazi pubblici nonché l'abbandono delle cartucce.

Il prodotto è utilizzato “correttamente” in cucina, dai dentisti e nella cura del dolore, serve per montare la panna e per alcuni interventi odontoiatrici o per affievolire il dolore provocato dalla rottura di arti, ma, se assunto scorrettamente, dà sballo a basso costo.

 

Così è balzato al secondo posto nei consumi, alle spalle solo della cannabis.
È molto dannoso per la salute, può provocare, quando viene inalato in un ambiente privo di ossigeno come sono i palloncini nei quali vengono scaricate le cartucce, dipendenza e causare vertigini, nausea e gravi problemi alla deambulazione, inoltre se vengono inalati più palloncini di seguito (cosa che è nelle abitudini) può generare problemi cardiaci e cerebrali, perché il cuore e il cervello vengono danneggiati dall’assenza di ossigeno.

Infine il protossido di azoto ha una funzione di contrasto alla vitamina B12 presente nel nostro organismo che, se ne viene privato, danneggia i nervi delle gambe, delle braccia e delle mani che faticano a rispondere agli impulsi ricevuti.

L’allarme è notevole e gli interventi della polizia sono puntuali.
Una precisazione giunge dal settore medico: nessuna preoccupazione quando, sotto controllo sanitario, il protossido d’azoto viene somministrato per cure sanitarie che tendono a ridurre il dolore e consentire il sonno a pazienti che hanno subito delle dolorose fratture: in questo caso la sostanza è addizionata al 50% con l’ossigeno, cosa che non avviene quando la si aspira, con altre finalità, “pura” dopo averla scaricata nei palloncini colorati.







Beppe Tassone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium