/ Altre notizie

Che tempo fa

Cerca nel web

Altre notizie | domenica 15 aprile 2018, 08:00

Nizza: tempi grami per i “furbetti” del parcheggio

Arrivano i nuovi horodateurs: anche per la prima mezz’ora occorrerà inserire il numero della targa. Applicazione per smartphone per agevolare l'operazione

Nizza, i nuovi horodateurs

Nizza, i nuovi horodateurs

Inizia l’ultima fase della “vicenda parcheggi” a Nizza. Mancava l’elemento essenziale, quello che avrebbe assicurato il pieno rispetto del regolamento vigente, cosa che con i vecchi erogatori di ticket non era possibile.

In sintesi la sosta gratuita è di 30 minuti, poi, fino a 2 ore e 15 minuti si passa al pagamento. Fino ad ora chi si trovava nelle prossimità del proprio veicolo aveva buon gioco ad acquisire più biglietti da mezz’ora e, senza sborsare un centesimo, poteva sostare anche a lungo nel medesimo posto o, al limite, spostando il veicolo in un altro stallo attiguo.

Con i nuovi horodateurs, che cominciano ad essere installati in questi giorni e che entro breve tempo dovrebbero andare a regime in tutta l’area centrale della città, non sarà più possibile fare i furbi.

Il sistema, tra l’altro, è comodo perché consente il pagamento sia mediante carta bancaria, anche con quelle a contatto, sia in contanti e presto sarà abbinato ad una applicazione per smartphone per rendere l’operazione ancora più semplice.

Con un punto fisso: sarà obbligatorio, per ottenere il biglietto, inserire la targa del veicolo che sarà stampata anche sul ticket.

Il sistema “in rete” memorizzerà e impedirà, nella medesima zona, di usufruire di più di mezz’ora gratuita al giorno. Quindi per i “furbetti del parcheggio” la possibilità di aggirare la norma andrà a finire.

I nuovo distributori di ticket vengono piazzati in questi giorni in Boulevard Raimbaldi e in Rue Lepante, nei pressi di Avenue Jean Médecin. Presto si potranno trovare in tuta la città: in tempi brevissimi i primi 500, seguiti da altri 200 con un investimento di 3,6 milioni di euro.    

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore