/ Altre notizie

Altre notizie | 19 giugno 2018, 18:00

Valle Roya: la strada dipartimentale “maglia nera” per numero di morti

Alla vigilia dell’entrata in vigore della limitazione a 80 km orari della velocità stilata la triste classifica delle strade più pericolose nel Dipartimento delle Alpi Marittime

Incidente lungo la RD della Roya (immagine di repertorio)

Incidente lungo la RD della Roya (immagine di repertorio)

Il prossimo 1° luglio in Francia circa 400 mila chilometri di strade vedranno cambiare il limite di velocità che scenderà dagli attuali 90 chilometri all’ora a 80. Una rivoluzione voluta dal governo per cercare di limitare quella che è una vera e propria piaga, gli incidenti mortali e con feriti gravi che non dà cenno di diminuire.

La maglia nera, nel Dipartimento delle Alpi Marittime, tra le strade che detengono il triste e tragico record del maggior numero di morti spetta alla RD 6204, quella della Valle Roya.

Una strada che sembra proprio “averla tutte” anche il record, assai poco ambito, di essere la “route de la morte” tra le strade del Sud Est francese.Dal 2006 al 2015, infatti, sono state 10 le persone che hanno perso la vita lungo questa strada ricca di curve che attraversa la valle Roya.

Al secondo posto in questa “classifica” con 8 morti la RD 2205 “Vallée de la Tinée” con 8 morti, mentre, un gradino più in basso, troviamo altre due strade molto trafficate la RD 6098 “Bord du mer” e la RD 6085 “Route Napoleon”.

La maglia nera della strada con la più alta densità di morti (0,67 per chilometro) la detiene, invece, la RD 103 “Antibes – Grasse”.

Nel 2017, in tutta la Francia, sono stati 3 684 i morti sulle strade, con un leggero calo (1,4%) rispetto all’anno precedente.

Ora entrerà in vigore la limitazione ulteriore della velocità, una misura sulla quale il governo scommette, ma che vede su posizione ostile il 76% dei francesi che avrebbe preferito che la velocità massima consentita non venisse ritoccata.  

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium