/ Ambiente

Ambiente | 07 novembre 2019, 09:18

Il Giardino Esotico di Monaco: un giardino eccezionale tra cielo e mare

Il Giardino Esotico è aperto tutto l'anno tranne il 19 novembre (festa nazionale) e il 25 dicembre.

Il Giardino Esotico di Monaco: un giardino eccezionale tra cielo e mare

Il Giardino Esotico di Monaco è un parco botanico creato e aperto al pubblico nel 1933 sotto il Principe Luigi II di Monaco. Un vero Eden dedicato alle piante grasse - queste piante hanno sviluppato la spettacolare facoltà di immagazzinare riserve d'acqua, di cui il cactus è l'esempio più significativo. Il giardino ospita molte specie di cui alcune hanno più di cento anni e raggiungono le proporzioni gigantesche del loro stato naturale.

Queste piante sono spesso molto rare, totalmente acclimatate, provengono da diverse zone distanti (Stati Uniti, Messico, America Centrale, Africa Centrale ...) e offrono una fioritura che si diffonde tutto l'anno per il piacere dei visitatori. Situato sul lato della scogliera, offre un'eccezionale vista panoramica sul Principato di Monaco e sulle riviere francese e italiana, il Giardino Esotico è costituito da una serie di piccoli ponti, volte e percorsi che consentono di circolare liberamente tra le piante succulenti. Unico nel suo genere, è stato creato principalmente per essere un'attrazione turistica aperta al pubblico. La sua visita caratterizzata da vari elementi informativi consente ai neofiti di conoscere meglio queste singolari piante e anche di identificarle.

Un po 'di storia

La storia del Giardino Esotico di Monaco inizia alla fine del XIX secolo sulla "Rocca", il centro storico del Principato di Monaco. Augustin Gastaud, allora giardiniere-Chef dei giardini di Saint-Martin, coltiva e raccoglie numerosi cactus vicino al Museo Oceanografico. Il Principe Alberto I notò presto questa eccezionale collezione e decise di costruire un giardino interamente dedicato a queste "piante grasse" nel Principato. All'inizio del XX secolo, il posto fu finalmente trovato: un terreno scosceso che domina il quartiere des Révoires e in cima al quale si trova un piccolo osservatorio, sembra offrire tutte le garanzie che questa particolare flora si sviluppi in condizioni ottimali, in effetti Agavi e Fichi di Barbarie stanno già crescendo favorevolmente ... Lo stato acquisisce questa terra e il lavoro di sviluppo è affidato a Louis Notari, ingegnere di lavori pubblici. Una volta trovata la posizione, resta da svolgere un compito impegnativo: la rimozione delle piante di Augustin Gastaud alcune delle quali raggiungono dimensioni imponenti. Il "confezionamento" è realizzato utilizzando assi e rotoli di carta per spostare le piante senza danneggiarle ma anche senza ferirsi: questo tipo di imballaggio è ancora oggi utilizzato per il movimento delle piante per eventi o mostre. Il 13 febbraio 1933, il Principe Luigi II inaugura ufficialmente questo straordinario giardino pensile che arricchisce l'interesse turistico del Principato. Inizialmente è un turismo invernale per persone privilegiate che provengono dal Nord Europa e cercano un clima eccezionale. Per questi turisti di alto livello, il Giardino esotico è un luogo da sogno in cui un clima mite anche in inverno si mescola a molte piante esotiche. Quindi, negli anni 55-60, il contesto si evolve e si vede mescolare il turismo di massa estivo con quello invernale elitario.

La grotta dell'Osservatorio

Situata nel cuore del giardino esotico, la Grotta dell'Osservatorio fu scoperta nel 1916 e fu aperta al pubblico nel 1950. Deve il suo nome al piccolo osservatorio che un tempo era lì. Questa cavità naturale ornata da una grande varietà di concrezioni, stalattiti, stalagmiti e colonne è stata particolarmente evidenziata dall'illuminazione. La presenza di uomini preistorici vicino a questa grotta è documentata da resti di ossa di animali. Magico e sorprendente, questo luogo viene visitato con l'accompagnamento di una guida. La visita del Museo di antropologia preistorica è l'innegabile complemento della visita della Grotta dell'Osservatorio dal 1955. Rivela i resti preistorici del suolo del Principato e delle aree circostanti. La visita è organizzata attorno a due sale: la sala Albert I, fondatore del Museo, dedicata alla preistoria generale; la sala Rainier III che presenta la preistoria regionale attraverso collezioni locali.

Venite a scoprire questo e molto altro ancora al Giardino Esotico di Monaco.

Orario

Il Giardino Esotico è aperto tutto l'anno tranne il 19 novembre (festa nazionale) e il 25 dicembre.

Gennaio: dalle 9 alle 17

Da febbraio ad aprile: dalle 9 alle 18

Da maggio a settembre: dalle 9 alle 19

Ottobre: dalle 9 alle 18

Da novembre a dicembre: dalle 9 alle 17

Visita del giardino esotico: gratuito

Visita della grotta dell'Osservatorio: guidata - partenza ogni ora dalle 9:00 - durata 40 a 45

minuti

Per ulteriori informazioni:

Giardino Esotico di Monaco

62, Bd du Jardin Exotique

MC 98000 Monaco

Tel: 00.377.93.15.29.80

Fax: 00.377.93.15.29.81

Sito Web: www.jardin-exotique.mc

e-mail: garden-exotic@mairie.mc

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium