/ Altre notizie

Altre notizie | 24 marzo 2020, 18:00

Non abbandonate gli animali domestici!

Appello unanime delle associazioni e delle autorità. Una fake news ha diffuso la paura: nonostante le smentire molti animali abbandonati anche in Costa Azzurra. Per loro si apre la strada dell’eutanasia

Non abbandonate gli animali domestici!

Non abbandonate per strada i vostri cani”, le associazioni che si occupano della protezione degli animali hanno lanciato un appello.
Un numero elevato di cani, ma anche di gatti sia pure in quantità ridotta, sono stati abbandonati in Francia e la Costa Azzurra non è certo estranea a questo fenomeno.

Medesimo appello è stato lanciato dalle autorità del Dipartimento e dai sindaci della Costa Azzurra

Una fake news apparsa in questi giorni sulle reti sociali metteva in guardia i proprietari di animali domestici, soprattutto di cani, sul rischio di infezione causata dagli animali domestici.

La smentita è stata immediata, cosa del resto avvenuta anche in Italia, ma non è stata creduta da un numero rilevante di proprietari di cani che li hanno abbandonati per strada creando un ulteriore problema al quale le comunità locali devono far fronte.

Le associazioni degli animali rilanciano il comunicato dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che conferma l’estraneità degli animali domestici alla diffusione fra gli “umani” del Covid 19.

Per molti, però, sono parole al vento che giungono proprio mentre le disposizioni emergenziali hanno imposto la chiusura delle sedi delle associazioni che si occupano degli animali. Salvo qualche tardivo pentimento con fotografia del cane appesa a dei pali della luce....in strade deserte!

Risultato: i canili sono pieni, ma le persone disposte ad adottare un cane non vi si possono recare, né possono usufruire della mediazione delle associazioni come quella che si trova in Rue de France non distante dal Negresco.  

La legge francese in materia è chiara: se non vi sono più posti in canile per gli animali da affezione l’unica strada è quella dell’eutanasia.
Una brutta fine per l’incolpevole “amico dell’uomo

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium