/ Ambiente

Ambiente | 11 giugno 2020, 18:00

Costa Azzurra: alla scoperta del territorio. L'Arche de Ponadieu (Video e Foto)

Montecarlonews propone luoghi, itinerari, passeggiate alla scoperta del Dipartimento delle Alpi Marittime. Le foto di questo servizio sono di Danilo Radaelli

L'Arche de Ponadieu, fotografie di Danilo Radaelli

L'Arche de Ponadieu, fotografie di Danilo Radaelli

E’ meglio recarsi di mattino, soprattutto nelle giornate estive, perché il sole brucia, per concedersi un’escursione all'Arche de Ponadieu, inserita nel Parc Naturel des Préalpes d'Azur.

Patrizia e Danilo Radaelli ci accompagnano, con le loro fotografie, alla scoperta di questo luogo incantevole posto ad una trentina di chilometri da Nizza.

Il filo conduttore di questo “anello”, la Siagne, fa sentire l'onnipresente ruggito delle acque tumultuose nonostante la stazione di pompaggio situata a monte.

È per questa ragione che i romani, installati su Castrum Caesarii, l'avevano chiamato "Sinaia", per il rumore che faceva colpendo le rocce e proiettando la sua schiuma bianca.

 

Le acque compiono uno spettacolare passaggio forzato sotto l'arco naturale di Ponadieu; due etimologie sono possibili per questo toponimo:

  • "Lou pont natiou", un ponte naturale che “nasce” dal deposito di calcare (tufo) da una fonte oggi scomparsa;
  • "Lou pont à Diou", battezzato così come riconoscimento della mano divina nella sua creazione.

Itinerario
Dal parcheggio Calvaire (715 m - b.81), si scende per un sentiero piuttosto ripido e pietroso per attraversare presto il GR510 (b.80), che collega Saint-Cézairesur-Siagne a Escragnolles. Quindi occorre seguire il Vallon de la Combe che avanza sopra il fiume tra lecci che assicurano una pausa ombrosa. Dopo una breve discesa, si raggiunge il ponte naturale di Ponadieu che attraversa il fiume (521 m).

Avvertimento. Numerosi sentieri utilizzati da pescatori o cacciatori si sviluppano sulle rive della Siagne. Non sono contrassegnati e il loro percorso può essere pericoloso perché si rischia di cadere o scivolare. Per tornare è consigliabile ripercorrere la stessa strada fino al tag 80; quindi prendere la strada GR 510 a sinistra (Nord-Est) che segue più o meno il canale Siagne fino a raggiungere il tag 82. Raggiungere il punto di partenza prendendo la stradina a destra (Sud) che sale dalle sorgenti della Siagne.

Per raggiungere la meta:
Da Cannes, andare a Grasse lungo la strada pénétrante e seguire la route Napoléon (RD 6085) fino a Saint-Vallier-de-Thiey. All'uscita nord del paese prendere una stradina asfaltata a sinistra che porta alla cappella di Saint-Jean; dopo 3,5 km, parcheggiare in un lago artificiale.



Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium