/ Altre notizie

Altre notizie | 08 ottobre 2021, 08:30

Una bella iniziativa per aiutare la ristorazione a ripartire dopo il lockdown e le attuali restrizioni

Intervista a Nicola Martini della Martini Gas di Arma di Taggia.

Una bella iniziativa per aiutare la ristorazione a ripartire dopo il lockdown e le attuali restrizioni

Nicola Martini, è un imprenditore di Arma di Taggia che ha deciso di fare qualcosa per tutte quelle attività che hanno subito importanti restrizioni durante la pandemia. Bar, pub, pizzerie, ristoranti e trattorie che prima sono state costrette alla chiusura per mesi, poi hanno subito la forzata riduzione dei posti a sedere nelle loro sale e ora, essendo soggette all'imposizione del Green Pass, rischiano di perdere clientela non potendo servire chi non lo possiede.

Non ci sono ancora stime precise di quanto questo inciderà sul fatturato del settore, ma le previsioni non sono per nulla rosee. Ci sono locali che ad oggi hanno contenuto le perdite, altri parlano addirittura di un -40% rispetto agli incassi del 2019. Confesercenti ha stimato per il solo comparto di bar e ristoranti una contrazione pari a 300 milioni di Euro dalla sua introduzione a fine anno. La cosa certa è che, anche in assenza di numeri precisi, il settore subirà un ulteriore colpo.

Come in tutti i momenti difficili anche la dura situazione causata dal Covid19, con tutti i suoi indubbi drammi, può anche risvegliare uno dei lati migliori delle persone: la capacità di immedesimarsi nei problemi altrui e fare concretamente qualcosa per aiutare a risollevarsi chi ne ha subito le conseguenze.

Questa intervista rappresenta proprio questo.

È proprio ragionando su questo stato di cose che mi è venuta un'idea - dice Nicola Martini della Martini Gas - ho pensato a come queste persone devono sentirsi di fronte alla perdurante incertezza, a questa nuova normativa del Green Pass che ancora una volta li coinvolge riducendo ulteriormente la loro possibilità di accogliere clienti e quindi di guadagno”.

Raro ascoltare qualcuno che si preoccupa degli altri!

Vede, sono anche io un piccolo imprenditore e capisco perfettamente cosa significhi questo stato di cose. Come tutti quelli che lavorano in proprio, queste sono persone che per anni si sono dedicate a sviluppare il loro lavoro con passione e dedizione, che ogni giorno tirano su la saracinesca con quel misto di orgoglio e incertezza, che hanno la responsabilità delle persone a cui danno lavoro, che contribuiscono a rendere più accogliente e godibile il nostro territorio. È per tutto questo che ho pensato a come poter fare la mia parte”

E a cosa ha pensato? Sono molto curioso di capire come è arrivato a trovare quale potesse essere il suo contributo.

Ho ragionato sui servizi che offro con la mia attività e se fra questi ci fossero quelli utili per loro. È così che ho capito che, andando verso i mesi freddi, la loro possibilità per evitare le perdite, è nello sfruttare ancora gli spazi esterni, quelli che stanno loro salvando gli incassi già a partire dal 6 di Agosto (giorno dell'introduzione del Green Pass- ndr). Noi vendiamo da anni le stufe a fungo per i dehors. Grandi, piccole, dimensionate sugli spazi da riscaldare. La mia idea, per contribuire e sostenere bar e ristoranti è stata quella di offrire le stufe a fungo in comodato d'uso”. 

Cioè, in che senso in comodato d'uso?

Semplice, chi ne ha bisogno per il suo locale viene da noi e noi gli diamo i "funghi" che gli sono necessari per riscaldare i suoi spazi esterni. Non faremo pagare altro se non il costo della bombola. E poi a fine stagione ci riprendiamo indietro le stufe e amici come prima. O meglio, spero saremo diventati più amici di prima! Non chiediamo niente di più”. 

Continuo a pensare che sia un'ottima iniziativa, però c'è un però? Non è che questa sua offerta poi nasconde un prezzo più alto per le bombole? 

La ringrazio per questa domanda impertinente, siamo liguri e siamo sempre attenti alle palanche! Anche se può sembrarle strano le ripeto che la mia idea è nata dal desiderio di fare la mia parte, non da un progetto commerciale. Per capirci, non è un'offerta prendi due e paghi uno. È un contributo, perché credo che in questo momento bisogna stare uniti e superare i nostri piccoli egoismi. Ho la fortuna di avere un attività con il più grande smercio di bombole di tutto il Nord Italia. Sì, ad Arma di Taggia, sembra impossibile ma è così! Questo mi ha permesso di ottimizzare e organizzare un sistema di vendita estremamente efficiente con prezzi altrettanto vantaggiosi. Prezzi che non varieranno per chi vorrà usufruire di questa mia proposta”.

Confesso, mi stupisce sentire parlare così un imprenditore

Lo prendo come un complimento! E la ringrazio ancora. Devo aggiungere ancora una cosa, i funghi che mettiamo a disposizione non sono infiniti, ne abbiamo diverse decine e altri ne arriveranno, ma potremmo trovarci a non riuscire a servire tutti quelli che ci li richiederanno. Spero ci perdonerà chi verrà da noi, magari all'ultimo momento, e non dovesse trovare più funghi disponibili. Faremo il possibile perché non accada, ma se succedesse”. 

Concludo questo articolo, aggiungendo le impressioni che ho avuto parlando con Nicola Martini. Parlando di economia, questa mia valutazione potrebbe sembrare fuori luogo. Penso che questa intervista sia emblematica, perché in qualche modo rappresenta l'altro lato della medaglia dello sconvolgimento che ci ha travolti tutti negli ultimi 18 mesi. A fronte di tutto quello che vediamo ogni giorno rappresentato da giornali e tv, ci sono persone che sanno mettersi nei panni degli altri e rinunciare a qualcosa per tendere una mano. Se ognuno cominciasse a fare la sua parte potremmo uscire molto più in fretta da questa ondata che ci ha travolto tutti, anche se ci sentiamo troppo piccoli per poter cambiare le cose o come ha detto una volta un saggio: "Se credi di essere troppo piccolo per fare la differenza, prova a passare una notte con una zanzara".

Dal vostro smartphone cliccando su questo numero 0184 43240 potrete direttamente parlare con un addetto dell'azienda Martini Gas.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium