/ Altre notizie

Altre notizie | 06 luglio 2022, 18:00

Covid, a Nizza tornano le mascherine

Da lunedì 11 luglio 2022 saranno nuovamente obbligatorie sui mezzi pubblici. I casi d’infezione in forte crescita, si teme la “settima ondata”

Nizza, foto d'archivio...destinata a tornare attuale

Nizza, foto d'archivio...destinata a tornare attuale

Si corre ai ripari mentre il Covid sta colpendo duro nel Dipartimento delle Alpi Marittime: un rialzo nel numero delle infezioni che fa paura, in piena stagione estiva, con il turismo al top, con tantissima gente e il ritorno dei turisti anche da località distanti, come gli Stati Uniti.

I numeri, del resto, lasciano ben poco spazio alla fantasia: il tasso d’incidenza nel Dipartimento è di 1.364 nuove infezioni ogni 100 mila abitanti, con un tasso di positività ai tamponi del 27% e, in Francia, di oltre 200 mila nuove infezioni in un giorno solo.

Numeri che inducono a chiudere il recinto, sperando che non sia troppo tardi e…tornano le mascherine.

Un’ordinanza del Sindaco di Nizza, Christian Estrosi, le rende obbligatorie da lunedì 11 luglio 2022 sui trasporti pubblici della città e altri sindaci dell’area metropolitana, interessanti ai trasporti in comune, stanno adottando identici provvedimenti.

Una situazione non facile, con l’invito a rispettare i gesti barriera, a tornare ad una puntuale igiene delle mani ed a essere prudenti quando ci si trova in posti affollati.

Nessuno vuole evocarla, ma la settima ondata, in Francia, sembra alle porte…e siamo solo a luglio!

La quarta dose di vaccino, somministrata alle persone di età superiore ai 60 anni, aiuta a rendere meno gravi i casi ed a tenere molti infettati lontani dagli ospedali, ma in questo caso l’impressione è che il Covid stia diventando una questione per giovani!

Questa le parole che Christian Estrosi ha rivolto questa sera ai cittadini di Nizza per motivare la propria decisione:" Siamo di fronte a una nuova ondata di pandemia di COVID-19. La ripresa dell'epidemia non è più in dubbio e si osserva sia dalle nostre analisi delle acque reflue sia dal numero di test positivi.

Il tasso di incidenza nelle Alpi Marittime – il dipartimento più colpito dall'epidemia – è aumentato del 147% in soli dodici giorni tra il 20 giugno e il 1° luglio, passando da 532 a 1.316 ogni 100.000 abitanti.

Di fronte a questa constatazione e all'aumento esponenziale della popolazione della Città di Nizza durante il periodo estivo che fa temere una significativa circolazione del virus, ho deciso di emanare un’ordinanza che imponga l'uso delle mascherine nei mezzi pubblici.

Poiché la situazione peggiora in tutta la Francia metropolitana, incoraggio tutti i sindaci a emettere un'ordinanza simile per combattere la diffusione del virus. Anche questa è una misura che lo stesso governo raccomanda e che molto presto diventerà obbligatoria a livello nazionale.

Come sindaco della quinta città più grande della Francia, mi assumo le mie responsabilità e invito i nizzardi, ma anche più in generale i francesi, a fare lo stesso.

La mia decisione è motivata, come dall'inizio della crisi, dall'interesse generale e dalla tutela di tutti".

Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium