/ Business

Business | 25 agosto 2022, 07:00

Costa Azzurra: il turismo va!

Il Comité Régional du Tourisme Côte d’Azur France tenta una prima analisi sulle presenze turistiche e sui dai economici. Tornati al livello pre Covid anche con alcuni miglioramenti

Île Saint-Honorat, foto tratta dal sito del Comité Régional du Tourisme Côte d’Azur France

Île Saint-Honorat, foto tratta dal sito del Comité Régional du Tourisme Côte d’Azur France

Prime analisi sull’estate in corso e sull’andamento turistico in Costa Azzurra nel 2022.
A pronunciarsi il Comité Régional du Tourisme Côte d’Azur France con una nota che sottolinea l’eccezionale andamento della stagione, i dati in crescita e il recupero dei livelli registrati nel 2019, in alcuni casi anche superandoli.

 

Questo il testo integrale dell’analisi del Comité Régional du Tourisme Côte d’Azur France

Il CRT Côte d'Azur France fa il punto sulla stagione estiva 2022 più che positiva, con un tasso di occupazione fino al 90%. Grazie a un ambizioso piano di rilancio, avviato ad inizio anno in collaborazione con i partner del territorio, i risultati ci sono. Il Dipartimento delle Alpi Marittime, gli Uffici del Turismo, l'aeroporto Nice Côte d'Azur, la CCI Nice Côte d'Azur, sindacati alberghieri, ristoratori e altri professionisti del turismo della Costa Azzurra si felicitano per questa stagione: il turismo in #CotedAzur France riprende al ritmo pre crisi!

L'estate 2022 segna un fortissimo incremento rispetto ai due anni precedenti, con un ritorno delle presenze al livello della stagione estiva 2019, e una performance superiore in termini di benefici economici.

Nel 2022 la Costa Azzurra dovrebbe accogliere circa 10 milioni di turisti, di cui 6 milioni tra maggio e settembre (contro i 4,5 milioni del 2021 e i 6,5 milioni del 2019).
A giugno 2022, l'occupazione alberghiera nel dipartimento delle Alpi Marittime ha raggiunto l'80% (il tasso migliore da giugno 2000) e il 75% per le residenze turistiche. A luglio, il tasso medio di occupazione è stato dell'85% negli hotel e dell'83% nelle residenze (il miglior tasso registrato nell'ultimo decennio). Record battuto quest'anno nelle prime 3 settimane di agosto con un tasso di occupazione superiore al 90%, quasi lo stesso livello del 2019 e del 2021, grazie in particolare al lungo weekend del 15 agosto che è stato pieno. Le notti estive negli esercizi commerciali supereranno quindi di poco il livello del 2019, un ottimo anno in termini di presenze turistiche.

 

Come sulla costa, anche le strutture ricettive nell'alto e medio paese hanno registrato un buon tasso di presenze, con un +5% rispetto al 2019, a testimonianza dell'entusiasmo dei visitatori per il turismo sostenibile all'aria aperta, sostenuto dalla politica del Dipartimento delle Alpi Marittime Dipartimento e il Comitato Regionale del Turismo della Costa Azzurra Francia.

Quest'anno è segnato anche da uno sviluppo favorevole nel settore alberghiero: una migliore diffusione degli arrivi turistici tra metà maggio e fine agosto. Le prospettive per le prossime settimane annunciano la fine dell'estate con oltre l'80% dei tassi di occupazione previsti per gli ultimi dieci giorni del mese e il 75% per la prima metà di settembre.

Negli affitti ammobiliati tra privati, l'occupazione ha raggiunto il 59% a giugno e il 69% a luglio, con un volume di pernottamenti al livello del 2019.
Con il territorio della Costa Azzurra sempre più aperto al mondo (107 destinazioni collegate direttamente all'aeroporto di Nice Côte d'Azur per la stagione estiva: 19 in Francia, 88 all'estero), tornano in forza i clienti esteri in Costa Azzurra d'Azur con origini più diversificate e ha raggiunto oltre l'85% del livello di frequenza del 2019.

A fine giugno 2022 il 45% dei pernottamenti in hotel e residence era di origine straniera, con una forte presenza nordamericana (prima nazionalità straniera a inizio estate con un pernottamento straniero su 5) e britannica (17% di stranieri). Anche i clienti irlandesi, belgi, olandesi e scandinavi sono più numerosi rispetto al 2019.
Solo i clienti asiatici e russi sono ancora poco presenti quest'estate, con un tasso di recupero di appena il 20% rispetto al 2019.

Per quanto riguarda i turisti francesi, sempre fedeli alla Costa Azzurra, il 25% arriva solitamente da Paris Ile-de-France, il 25% dalla Regione Sud (escluse le Alpi Marittime) e il 15% dalla Regione Auvergne-Rhône-Alpes.

Nel periodo maggio-luglio 2022 il fatturato è stato in forte crescita, con un ricavo medio per camera che passa da 170 euro a notte nel 2019 a quasi 200 euro. La spesa media dei turisti è in aumento e supera addirittura il livello del 2019.
Il ritorno della clientela straniera ad alto contributo (in particolare nordamericani e mediorientali) ha consentito il forte rimbalzo del fatturato alberghiero, che a metà stagione è stato pieno. La spesa per il turismo avvantaggia in gran parte ristoranti e negozi situati vicino a strutture ricettive e centri di visita.

Quest'estate, la spesa media giornaliera per persona è di circa 65 euro per i francesi e 100 euro per gli stranieri. Il consumo turistico diretto totale raggiungerà i livelli pre-pandemia nel corso dell'anno, ovvero quasi 6 miliardi di euro.



Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium