/ Ambiente

Ambiente | 22 febbraio 2024, 19:00

Var: alla scoperta del territorio. Les Adrets de l'Estérel (Foto)

Montecarlonews propone luoghi, itinerari, passeggiate alla scoperta del territorio. Le foto sono di Danilo Radaelli

Les Adrets de l'Estérel, fotografie di Danilo Radaelli

Les Adrets de l'Estérel, fotografie di Danilo Radaelli

In sella alla sua motocicletta, Danilo Radaelli si è recato nel Dipartimento del Var, non distante da Saint-Raphaël, per raccontarci il villaggio di Les Adrets-de-l'Estérel e il piccoilo lago de l’Avellan.



Les Adrets de l'Estérel
A pochi passi da Saint-Raphaël, Les Adrets de l'Estérel è un comune situato all'estremo sud-est del Var. Confinante con le Alpi Marittime, il suo territorio è costituito da grandi foreste verdi. Il comune domina la baia di Cannes e gode di una vista eccezionale sulle isole di Lérins e la cornice dell'Esterel.
Con una superficie di 22 km², il villaggio è situato ad un'altitudine di 250 metri sopra il livello del mare e gode di una magnifica vista sulla baia di Cannes e le isole di Lerins.

In origine, "Les Adrets" era solo una frazione di Montauroux, chiamata "Les Maures de Montauroux". Il termine "maures" si riferiva a terreni incolti usati per il pascolo. A causa della distanza del villaggio da Montauroux, Napoleone III decise di farne un comune nell'aprile 1867, con il nome di: "Les Adrets de Montauroux". Tutti i villaggi e le frazioni chiamati "Les Adrets" hanno come etimologia del loro nome un verbo latino che significa "essere bruciati". Si tratta generalmente di luoghi alti esposti al sole (mentre i luoghi bassi sulle pendici settentrionali di una montagna sono chiamati "hubacs"). In provenzale, "Adré" o "Adrech" significa "lato buono".



Nel cuore del massiccio, molte escursioni e passeggiate partono dal villaggio: Mont Vinaigre, Massif de l'Estérel, Lac de l'Avellan, Vallon de la Verrerie, la Beïlesse...

Un po' di storia
All'epoca, l’estrazione del sughero era molto importante nel comune di Les Adrets perché vi sono molte querce nella sua foresta demaniale. Durante tutta l'estate, i vecchi lavoratori del sughero vivevano nei boschi e venivano riforniti di cibo ogni settimana. La tradizione prevedeva che nessuno portasse le proprie posate e che ognuno intagliasse le proprie ciotole e piatti direttamente dalle protuberanze naturali delle querce. Oggi, l’estrazione viene ancora effettuata, ma in misura minore, per "mettere a riposo" molte querce minacciate da insetti e malattie.


Vicino alla città, le miniere di Fontsante sono state sfruttate in passato, oltre a quelle di Maurevieille vicino a Théoule-sur-Mer. Questo deposito, scoperto dopo un incendio, aveva più di 24 giacimenti minerari, alcuni dei quali erano lunghi più di 500 metri. La maggior parte è stata esportata negli Stati Uniti. La fluorite estratta veniva utilizzata come fondente nella lavorazione dell'acciaio e dell'alluminio.

Oggi, il comune onora spesso questi mestieri tradizionali come la fabbricazione del carbone, la rilegatura di libri, la fabbricazione di cappelli... Il Festival de l'Estérel, che si svolge a luglio, mette in evidenza questi mestieri, strumenti e materiali di un tempo.

 



Beppe Tassone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium