/ Altre notizie

Altre notizie | 19 giugno 2019, 08:00

A Nizza il Consiglio Municipale adotta la charte des mariages

Prevede le regole che gli sposi e gli invitati alla cerimonia devono rispettare. In caso di eccessi è previsto il rinvio della cerimonia al primo giorno lavorativo successivo

Il municipio di Nizza

Il municipio di Nizza

Ogni anno, a Nizza, vengono celebrati oltre 1300 matrimoni con una media di 25-30 celebrazioni il sabato.

Nel giugno 2012, di fronte alla recrudescenza dei comportamenti che mettevano a repentaglio la tranquillità e la solennità dei matrimoni, la città di Nizza aveva istituito una Carta del matrimonio che impegnava i futuri sposi a rispettare regole di convivenza civile.

Da allora, 8 matrimoni che hanno generato eccessi significativi o hanno subito ritardi senza una giustificazione, sono stati sanzionati col rinvio della loro celebrazione.
Un risultato incoraggiante rispetto agli 8876 celebrati regolarmente dall'introduzione della carta.

Tuttavia, ultimamente, si sono registrati eccessi nel corso di alcuni matrimoni, in un caso mettendo persino a repentaglio l’incolumità degli agenti di polizia con lanci di fumogeni.
In un altro caso l’elevato numero di partecipanti, alcuni dei quali impossibilitati ad accedere alla sala, ha creato incidenti e discussioni che sono trascese.

Per sanzionare questi eccessi e per salvaguardare la tranquillità dei cittadini e degli altri matrimoni che si svolgono quasi in contemporanea, la città di Nizza ha modificato e rinforzato gli effetti della Charte des Mariages.
Lo scopo di queste nuove regole procedurali è di sensibilizzare i cittadini e aiutarli a prendere coscienza di tutte le disposizioni che devono essere rispettate.

Il nuovo regolamento prevede l’impegno formale e sottoscritto da parte dei futuri sposi a rispettare le regole previste dalla Charte des Mariages, regole estese anche alle Unioni Civili e ai Battesimi Civili, tradizione quest’ultima tutta francese e facoltativa.

L’impegno sottoscritto dai futuri sposi, per se stessi e per i partecipanti alla cerimonia, riguarda il rispetto degli orari, il luogo, l'accesso e il parcheggio dei veicoli, il rispetto del numero dei partecipanti in relazione alla capacità della sala, l'atteggiamento da adottare durante la cerimonia e il comportamento del corteo nuziale.

Nel caso di mancato rispetto della Charte, la Città di Nizza può rinviare la cerimonia al primo giorno lavorativo successivo.

Sottoscrivendo il documento le coppie s’impegnano a darne informazione a tutti gli invitati e ad assumersi in prima persona la responsabilità di fronte alla città di Nizza.





Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium