/ Altre notizie

Altre notizie | 11 giugno 2020, 08:00

E’ l’anno dei campeggi e del plein air: tutto pronto in Costa Azzurra

Alcuni comuni hanno scelto di non aprire le strutture municipali per “dare una mano” a quelle private: i casi di Fontan e Sospel

Camping Sainte Madeleine, Sospel

Camping Sainte Madeleine, Sospel

I campeggi hanno riaperto, le frontiere lo faranno la prossima settimana: il turismo plein air cerca di ripartire nell’arrière pays nizzardo.

Una situazione non facile: i mesi di chiusura forzata pesano sulle prenotazioni che faticano a giungere, ma vi è la sensazione che sarà l’anno dell’entroterra, dei luoghi verdi e delle passeggiate alternative alla ricerca di posti poco frequentati, ma interessanti sotto il profilo ambientale.

L’atmosfera che regna nei campeggi di due delle località simbolo del Dipartimento delle Alpi Marittime non è pesante, anche se la preoccupazione affiora nelle parole e nei ragionamenti.

Sia a Fontan, lungo la strada della Valle Roya, sia Sospel, località centrale per chi decide di raggiungere il mare (quello di Menton e quello di Nizza) evitando autostrada e litoranea concedendosi colli e viste mozzafiato, oltre a qualche ristorante proprio non male.

La prima settimana di apertura dei campeggi è trascorsa, in ogni caso, con basse presenze: le scuole, in Francia, sono ancora aperte e le frontiere interne della Comunità Europea riapriranno solo il 15 consentendo ad italiani e tedeschi di raggiungere la Francia.

Una novità, peraltro, è intervenuta per dare una mano.
Sia a Sospel, sia a Fontan i comuni hanno deciso di non riaprire i campeggi pubblici: un danno per le casse municipali, ma anche un aiuto dato alle strutture private che non dovranno far fronte ad una concorrenza dai costi più contenuti.

E’ il minimo che si poteva fare, spiegano gli amministratori locali a Nice Matin, i commercianti sono stati aiutati sollevandoli dal pagamento delle tasse comunali e autorizzandoli ad ampliare le aree esterne, lo stesso è stato fatto per i ristoranti. Anche i campeggi devono essere aiutati”.

Anche sul litorale i campeggi si preparano a ricevere i turisti, soprattutto quelli in camper e dei tanti mobilhome che, in questo periodo di norme sanitarie particolarmente precise, sono i più favoriti, potendo usufruire di toilettes proprie.

In ogni caso le misure base sono state adottate in tutte le strutture: piazzole più ampie, gel idroalcolico un po’ ovunque, disinfettante spray nelle toilettes perché ognuno possa igienizzare, prima dell’uso, il copri tazza.

Poi sarà la stagione e la voglia di natura e di spazi liberi a fare la differenza e i campeggi sono pronti: per questo l’atmosfera che si respira è di cauto ottimismo con uno sguardo soprattutto ai turisti stranieri che, nei loro Paesi, già scaldano i motori con la Francia, al solito, fra le mete preferite.




Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium