/ Altre notizie

Altre notizie | 15 giugno 2020, 19:03

Nel Principato di Monaco terminati i test sui 14mila dipendenti: è risultato positivo al Covid-19 il 3% di loro

Intanto ora i sindacati di categoria stanno lavorando al futuro dei lavoratori frontalieri. Al momento dei circa 6.000 impiegati nel Principato di Monaco circa il 60% sta lavorando mentre il resto è ancora a casa in cassa integrazione

Nel Principato di Monaco terminati i test sui 14mila dipendenti: è risultato positivo al Covid-19 il 3% di loro

Sono terminati sabato scorso i circa 14mila test sierologici dei lavoratori impiegati nel Principato di Monaco. Uno screening molto importante che è terminato con il 3% delle persone sottoposte a test, che è risultato positivo al Coronavirus.

I test sierologici positivi hanno visto le persone sottoposte poi ad un esame del sangue più approfondito. Chi è risultato ulteriormente positivo è stato sottoposto al tampone. Solo a quel punto è scattata la quarantena a casa. Da evidenziare che tutti i circa 400 dipendenti monegaschi che sono risultati positivi non hanno registrato i classici sintomi del Coronavirus.

Intanto ora i sindacati di categoria stanno lavorando al futuro dei lavoratori frontalieri. Al momento dei circa 6.000 impiegati nel Principato di Monaco circa il 60% sta lavorando mentre il resto è ancora a casa in cassa integrazione, tutta regolarmente pagata nei mesi di lock down. Una cassa, quella denominata ‘Chomage tecnique’  che potrebbe essere ulteriormente prolungata dal 18 giugno. Qualche problema in più, invece, per i lavoratori interinali ai quali invece non è spettata la cassa integrazione.

Intanto in settimana i sindacati dei frontalieri inizieranno a parlare degli emendamenti presentati al Decreto Bilancio. Tra questi il problema dei frontalieri che non hanno ottenuto la cassa integrazione per poter ottenere almeno i 600 euro. Quindi anche lo slittamento dell’acconto Irpef al mese di dicembre, la rivalutazione del bonus fiscale per compensare la perdita dello ‘chomage’. La discussione inizia domani.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium