/ Ambiente

Ambiente | 12 marzo 2023, 19:00

Attenzione ai pollini! Il bollettino settimanale delle allergie

Il polline di betulla arriverà entro la fine del mese e chi soffre di allergie deve prepararsi a settimane complicate. I pollini di parietaria rimangono presenti in tutto il Mediterraneo con un basso rischio di allergia

Roquebrune Cap Martin e il suo territorio - Foto di Danilo Radaelli

Roquebrune Cap Martin e il suo territorio - Foto di Danilo Radaelli

Qual é il rischio che corre questa settimana chi soffre di allergie?  Il bollettino emesso dal Réseau National de Surveillance Aérobiologique (R.N.S.A.) che si basa sui siti di rilevazione, sulle segnalazioni dei medici sentinella e sulle previsioni meteo fornisce un’indispensabile informazione.

 

Questo il testo del bollettino settimanale
La pioggia è il miglior alleato di chi soffre di allergie e la pioggia sta tornando alla grande in Francia in molte regioni e arriva ad appiattire il polline sul terreno e portare un po' di tregua a chi soffre di allergie.
I rischi di allergia sono in calo ovunque tranne intorno al Mediterraneo dove non piove e dove il rischio di allergia rimane alto per i pollini delle Cupressacee (cipresso).

Gli ontani (famiglia Betulacee) continuano a fiorire con un rischio di allergia da basso a medio. Sono favoriti dalla grande mitezza che interessa tutto il Paese e che favorisce l'emissione di pollini nell'aria.
Per quanto riguarda i noccioli, stanno terminando la loro impollinazione e presto non daranno più fastidio agli allergici con un rischio che non supererà il livello basso.

 

Attualmente sono in fiore anche altri alberi come il frassino, il carpino, l'olmo, il salice e il pioppo con un rischio di allergia associato che non dovrebbe comunque superare il livello basso.
Il primo polline di betulla arriverà entro la fine del mese e chi soffre di allergie deve prepararsi a settimane più complicate.
I pollini di parietaria (Urticacee) rimangono presenti in tutto il Mediterraneo con un basso rischio di allergia.
I numerosi rovesci di pioggia previsti nei prossimi giorni laveranno i pollini nell'aria, ma attenzione ai periodi soleggiati, primaverili e ventosi tra un rovescio e l'altro, che favoriranno invece l'emissione e la dispersione dei pollini nell'aria.



Ecco alcuni consigli pratici per proteggersi dal polline forniti dal sito internet del Réseau national de Surveillance Aérobiologique: lavare i capelli la sera, ventilare almeno 10 minuti al giorno prima dell'alba e dopo il tramonto, evitare di asciugare i vestiti all'esterno, tenere chiusi i finestrini delle auto.

Questa la sintesi del bollettino settimanale emesso dal Réseau national de surveillance aérobiologique per le Alpes-Maritimes:

  • Cipresso, rischio elevato
  • Nocciolo, rischio basso
  • Ontano, rischio basso
  • Parietaria, rischio basso
  • Frassino, rischio basso






Beppe Tassone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium