/ Altre notizie

Che tempo fa

Cerca nel web

Altre notizie | mercoledì 11 ottobre 2017, 12:00

Il Palais Sarde di Nizza nelle fotografie di Florence Rahmane

Seconda parte del “racconto” fotografico di uno dei più prestigiosi palazzi di Nizza, da sempre “sede” del potere

Florence Rahmane il Palais Sarde Nice

Florence Rahmane è una fotografa nizzarda “per passione” ed è l’anima del sito Facebook, da lei stessa creato, “J’ai Nice dans la peAu”.

Dopo il servizio fotografico pubblicato domenica 8 ottobre (clicca qui)  l’obiettivo della sua macchina fotografica si è nuovamente fermato su altri gioielli che si possono ammirare all’interno del Palais Sarde.

Si tratta di una prestigiosa costruzione che si trova nel Vieux Nice, al fondo di Place Gautier che merita di essere “onorata” con più servizi fotografici che aiutino a scoprirne i particolari,sapendo di trovarsi di fronte ad un capolavoro dell’arte.

Il Palais Sarde é anche conosciuto con altri nomi che attraversano diversi periodi storici: Palais de la Préfecture des Alpes-Maritimes, Palais des Rois de Sardaigne e Palais des Ducs de Savoie.

E’ sempre stato al centro del “potere” politico della città, ma ha mutato nome a seconda delle epoche e dei diversi regimi.

Sono diverse le sale che lo impreziosiscono:

  • Galerie Jules Chéret,
  • L'antichambre Jean-Charles Blais,
  • La salle des fêtes et la galerie des glaces,
  • Le jardin d'hiver,
  • Le grand salon,
  • Le salon de musique et le fumoir,
  • La petite et la grande salle à manger.

Il Palais Sarde venne inaugurato nel 1613: ospitava Duchi di Savoia e i Re di Sardegna durante il loro soggiorno a Nizza e, nel 1814 l'edificio, fu elevato a residenza reale.

Subì un notevole riadattamento nel 1818 e, nel 1860, a seguito dell'annessione della contea di Nizza alla Francia, il Palais Sarde divenne sede della Prefettura delle Alpi Marittime.

Oggi svolge funzioni di rappresentanza ed è la residenza del Prefetto. A livello architettonico, ben poco resta del palazzo originale: delle modifiche apportate nel 1818 resta solo la scala d’onore e poco d’altro. Nel 1869 l'architetto Sabatier progettò una nuova facciata sud e ampliò il palazzo verso est e subì ulteriori modifiche che tra il 1892 e il 1897 e altre fino al 1908.

L'edificio è collegato al Palais de Justice.

Le foto che ci dona Florence Rahmane raccontano il meraviglioso interno di questo palazzo che merita di essere visitato e ammirato.    

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore