/ Altre notizie

Che tempo fa

Cerca nel web

Altre notizie | 24 ottobre 2017, 08:00

Nizza: la crisi di Barcellona sposta i flussi

Boom nelle presenze turistiche nell’ultimo week end: l’estate “indiana” ha dato i propri frutti con una vera e propria folla che ha invaso il centro cittadino e la Promenade des Anglais

Nizza: folla ad un concerto al Jardin  Albert 1er

Nizza: folla ad un concerto al Jardin Albert 1er

La Francia è in piena vacanza scolare con gli istituti chiusi per le lunghe vacanze di Toussaint: ma non si può solo spiegare con questo la marea di persone che ha affollato Nizza nello scorso week end.

L’estate “indiana” ha dato i propri frutti, che si sono fatti sentire con una vera e propria folla che ha invaso il centro cittadino e la Promenade des Anglais. Numeri da estate vera anche se la temperatura dell’aria e quella del mare non si discostavano molto da quelle dei mesi della “vera” estate.

Tutto il settore turistico ne ha tratto indubbi vantaggi: dalle spiagge ai ristoranti , dalle boutique ai musei. Le tante manifestazioni del week end hanno sicuramente dato una mano: inaugurazione di mostre, “giornate imperiali”, conserti nei parchi cittadini: richiami forti e di sicuro impatto.

Merito sicuramente anche dei voli a basso costo che stanno “scaricando” all’aeroporto di Nizza una vera folla di persone, inimmaginabile qualche anno fa, che poi si riversa in città.

Gli esperti di flussi segnalano peraltro, abbastanza sottovoce, un altro fattore  che sicuramente sta giocando un suo ruolo importante, ma nessuno vuole essere accusato di cannibalismo. Un’altra grande città del Mediterraneo, tra le capitali del turismo, sta vivendo momenti di forte crisi: quello che sta succedendo a Barcellona sta spostando i flussi verso altre zone, verso aree nelle quali il clima sia coniugabile con la tranquillità .

Così si cambiano i voli o le mete dei viaggi e Nizza diventa “centrale”. Le previsioni del tempo sono al bello stabile anche per questa settimana : il prossimo week end si preannuncia come la fotocopia di quello appena trascorso.      

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium