/ Altre notizie

Altre notizie | 01 luglio 2019, 08:00

Anche la Regione PACA non esclude tagli alla Cuneo – Nizza

Intervista di Philippe Tabarot, vice presidente della Regione con delega ai trasporti. Non solo la Chambre Régionale des Comptes, anche l’estensione della Ligne 1 del tram nel futuro della linea ferroviaria Cuneo – Breil - Nizza

Cuneo - Nizza

Cuneo - Nizza

Nell’edizione di giovedì 27 giugno (clicca qui) Montecarlonews ha dato conto della relazione della Chambre Régionale des Comptes che ha posto sotto osservazione la linea Tende – Nice, parte francese della Cuneo – Nizza, per due ragioni sostanziali: lo scarso numero di utenti e gli incassi che non giungono a coprire il 7% del costo complessivo.

La situazione si sta ora ulteriormente complicando: Philippe Tabarot, vice presidente della Regione Sud- Provence-Alpes-Côte d'Azur, con delega, fra l’altro, ai trasporti si é espresso in merito, con una lunga intervista rilasciata a Nice Matin.

Pur premettendo che “si continueranno a far circolare dei treni fra Nizza e Tende” ha riconosciuto che “occorre trovare un modo per rispettare le segnalazioni della Camera Regionale dei Conti attraverso un piano dei trasporti pertinente”.
Dovremo fare,
rileva Philippe Tabarot, degli aggiustamenti, vi sono dei treni, in certe ore, che non sono sufficientemente utilizzati. In concreto circoleranno dei treni sulla line, ma se un treno non è utilizzato a sufficienza, sarà soppresso e rimpiazzato da un altro mezzo di trasporto”.

Poi la conferma ad una notizia che sicuramente creerà problemi ulteriori: “Vi è una grande necessità di investimenti: recentemente l’Italia ha investito 27 milioni di euro. I francesi dovrebbero investirne per 15 milioni, ma le SNCF ci hanno segnalato un problema di sicurezza in un tunnel nei pressi di Tende. Attendiamo ora l’esito delle analisi tecniche, ma i soldi, almeno in parte, serviranno per metterlo in sicurezza”.

Sempre tenendo conto, conclude Tabarot nell’intervista a Nice Matin, che “nulla è ancora regolato: la convenzione transfrontaliera non è ancora stata sottoscritta perché sono in corso delle modifiche”.

Fin qui le dichiarazioni del responsabile regionale dei trasporti, con una chiosa, la percorrenza di un’ora e venti minuti per raggiungere Nizza da Breil, quando un tempo bastavano 50 minuti e il costo “stracciato” del biglietto del bus che costa un euro e mezzo.

Ma vi è un’altra novità che potrebbe intervenire per modificare ancora l’utilizzo dei binari della linea ferroviaria Cuneo - Nizza, almeno nel tratto tra Drap e la capitale della Costa Azzurra.

Ne ha dato conto Montecarlonews il 10 giugno (clicca qui) quando ha riportato le affermazioni del Sindaco di Nizza e Presidente della Métropole Christian Estrosi che ha preconizzato un’estensione della Ligne 1 del tram, che ora giunge all’Ospedale Pasteur, fino a Drap, utilizzando i binari del treno con un investimento di 190 milioni di euro.

Un’opportunità enorme per un grosso bacino di popolazione (si calcola che ogni giorno potrebbero essere trasportate 45 mila persone che attualmente vivono quotidiani imbottigliamenti lungo la Pénétrante alle porte di Nizza.

L’utilizzo dei binari del treno per prolungare la ligne 1 interferirà sulla tratta Breil – Nizza con degli effetti che potrebbero anche non giocare a favore della linea ferroviaria.

Insomma, un’estate che si preannuncia calda per la Cuneo – Nizza, con la relazione della Chambre Régionale des Comptes che potrebbe servire da grimaldello per qualche taglio di spese.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium