/ Altre notizie

Altre notizie | 01 ottobre 2020, 07:00

Raddoppia in Costa Azzurra il numero dei poveri

Grido di allarme delle associazioni caritative: la situazione peggiora e c’è il rischio di non farcela ad assistere tutti

Raddoppia in Costa Azzurra il numero dei poveri

E’ raddoppiato il numero di quanti, nel Dipartimento delle Alpi Marittime, devono rivolgersi ai volontari di Secours Populaire per poter trovare qualche alimento per sé e per i propri famigliari.

Prima della crisi epidemica, nel Dipartimento l’associazione caritativa assisteva circa 5 mila persone, ora il numero oltrepassa i 10 mila.
Le file di persone davanti ai luoghi di distribuzione dei pasti sono cresciute del 40% e con esse anche le situazioni di conflitto e di attrito tra le persone: un problema nel problema.

Il problema in Costa Azzurra si presenta particolarmente grave in quanto l’occupazione, che ruota molto attorno al turismo, dopo i mesi centrali estivi, segna nuovamente il passo e il numero delle persone che si trovano senza lavoro è in crescita.

Una situazione che ha fatto oltrepassare largamente il milione di persone, in tutta la Francia, che frequentano l’associazione per trovare un minimo di assistenza che consenta di sopravvivere.

Così i volontari, che sono oltre duemila, temono di non farcela a reggere la crescita esponenziale dei poveri: il costo mensile per l’acquisto di derrate alimentari supera i 50 mila euro e il rischio di chiusura da parte di altre attività potrebbe incrementare il numero degli assistiti e diminuire quello delle donazioni che giungono da negozi alimentari e ristoranti.

Una situazione grave, comune in molte nazioni europee, ma che sottolinea le difficoltà cui sta andando incontro il Paese dello stato sociale per eccellenza, la Francia, alle prese con una crisi economica che sembra non avere fine.


Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium