/ Altre notizie

Altre notizie | 11 gennaio 2021, 07:00

Covid, dilaga il virus. Da oggi mascherina obbligatoria a Beaulieu, Villefranche-sur-Mer e Saint-Jean-Cap-Ferrat

I comunicati della Regione Provence-Alpes-Côte d'Azur e del Ministero della Salute dai quali emerge una forte preoccupazione

Saint Jean Cap Ferrat

Saint Jean Cap Ferrat

Il piccolo enclave tra Nizza e Monaco nel quale ancora non era obbligatorio indossare ovunque la mascherina ha dovuto alzare bandiera bianca.
Dopo una concertazione tra i sindaci di Beaulieu, Roger Roux, di Villefranche-sur-Mer, Christophe Trojani e di Saint-Jean-Cap-Ferrat, Jean-François Dieterich e il Prefetto, Bernard Gonzalez, da oggi ed a tempo indeterminato la mascherina diviene un accessorio obbligatorio.
Non indossarla darà luogo all’applicazione di sanzioni pecuniarie, come del resto già avviene a Nizza.

E’ l’effetto dell’incremento dell’ondata pandemica che sta colpendo un po’ ovunque nella regione PACA, tenendo anche conto che a Marsiglia è stato verificato un caso della variante inglese del Covid 19.

L’area interessata al nuovo provvedimento del Prefetto è, tra l’altro, a ridosso del Principato di Monaco dove la pandemia ha registrato un preoccupante balzo in avanti negli ultimi giorni il che ha indotto il governo ad adottare provvedimenti restrittivi sia sulla circolazione delle persone provenienti da “fuori” Principato, sia sulla chiusura anticipata serale di bar e ristoranti.

Ieri sera l’Agenzia Regionale della Salute della Regione Provence-Alpes-Côte d'Azur ha emesso un comunicato stampa straordinario per confermare l’individuazione, a Marsiglia, del primo caso della variante inglese del Covid 19.
Nel comunicato si legge che: “La persona positiva per questa variante fa parte di una famiglia francese residente nel Regno Unito venuta a soggiornare in Francia durante le vacanze di fine anno”.
Nella nota viene chiarita anche la metodologia per la ricerca di virus variante inglese: “In caso di esito positivo del test di screening RT-PCR per Covid-19, un'analisi aggiuntiva può essere richiesta dal laboratorio che esegue i test a seconda del luogo di residenza della persona, dei luoghi in cui ha soggiornato, persone che ha potuto incontrare. Questi elementi consentono di avviare la realizzazione di un sequenziamento del campione effettuato dai laboratori attrezzati o dal Centro Nazionale di Riferimento”.

Sempre ieri sera il Ministero della Salute ha emesso un nuovo bollettino di aggiornamento settimanale della situazione pandemica.

Aggiornamento sulla situazione (10 gennaio 2021)
La settimana 53 segna l'inizio del periodo durante il quale si potrebbe iniziare a osservare un possibile aumento degli indicatori epidemiologici legati alle festività natalizie. Diversi indicatori sono già in aumento, che riflettono l'impatto delle festività e potrebbero portare ad un aumento dei casi nei prossimi giorni.
L'uso dello screening è notevolmente ridotto rispetto alle settimane 51 e 52, settimane nelle quali era stato osservato un fortissimo aumento dell'attività di dépistage.

Il numero di casi confermati è aumentato (13.820 casi confermati sono stati segnalati in media ogni giorno durante la settimana 53) e il tasso di positività (5,4%) è nettamente aumentato rispetto alla settimana precedente (+2,6 punti). L'aumento del numero di casi confermati e la diminuzione del numero di persone sottoposte a test potrebbe far presagire un aumento dei ricoveri e dei decessi nelle settimane a venire.

In Francia sono stati segnalati diciannove casi di infezioni emergenti della variante SARS-CoV-2 rilevate nel Regno Unito e tre casi di infezioni emergenti della variante SARS-CoV-2 rilevate in Sud Africa. Diverse azioni sono state ora avviate da Santé publique France et le CNR Virus per meglio valutare e monitorare la diffusione sul territorio nazionale di queste varianti emergenti.

Le misure di prevenzione e allontanamento sociale rimangono i mezzi principali per frenare la circolazione del virus SARS-CoV-2 e ridurne l'impatto sul sistema sanitario e sulla mortalità. L'adesione a queste misure è tanto più essenziale nel contesto dell'identificazione di varianti emergenti, con un rischio di maggiore trasmissibilità. L'uso di applicazioni digitali (TousAntiCovid) è fortemente raccomandato per rafforzare il tracciamento dei contatti e le misure di isolamento precoce.
Questi i dati relativi all’epidemia al 10 gennaio 2021

  • Casi confermarti: 2.783.256 (+ 15.944 nell’ultima giornata);
  • Tasso di positività: 6,5%
  • Focolai: 1.921 di cui 725 nelle Case di Riposo;
  • Decessi: 67.750 dei quali 47.134 in ospedale (+ 151 nell’ultima giornata);
  • Nuove ospedalizzazioni negli ultimi 7 giorni: 8.872 di cui 1.735 in rianimazione;
  • Dipartimenti in condizioni di vulnerabilità elevata: 100.





Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium