/ Altre notizie

Altre notizie | lunedì 16 aprile 2018, 18:00

“Spia il tuo Tir”: l’invito di un’associazione della Valle Roya

Dallo scorso novembre un’ordinanza ha vietato il transito lungo la Dipartimentale 6204, quella del Colle di Tenda, a mezzi di peso superiore alle 19 tonnellate. Nasce l’hashtag “#BalanceTonPL”

Un Tir in Valle Roya

Un Tir in Valle Roya

Adesso si muovono anche i cittadini che, organizzati dall’Associazione Sauvons la Roya, hanno lanciato l’hashtag “#BalanceTonPL” che sta per Balance (spia) ton poids lourd.

Dallo scorso novembre un’ordinanza dei cinque sindaci della Valle Roya, seguita poi da una analoga del Dipartimento delle Alpi Marittime, ha vietato il transito lungo la Dipartimentale 6204, quella del Colle di Tenda, a mezzi di peso superiore alle 19 tonnellate.

Secondo gli amministratori della valle, a seguito delle ordinanze il traffico pesante è diminuito di circa l’80%. Resta peraltro un 20% di Tir che continua a percorrere la strada, rischiando qualche sporadica multa.

Da novembre ad oggi, secondo dati forniti dalla Prefettura di Nizza, sono stati elevati dalla Gendarmerie 74 sanzioni amministrative di 135 euro.

Raccontano gli ideatori dell’hashtag #BalanceTonPL di Tir che percorrono, a gruppi di due, durante le ore notturne, la strada preceduti da un’auto civetta che verificherebbe l’assenza di pattuglie. Che sia vero o meno è difficile dirlo, è sotto gli occhi di tutti quelli che percorrono la Dipartimentale che unisce Cuneo con Ventimiglia che violazioni all’ordinanza di divieto sono abbastanza frequenti.

Di qui l’invito che l’associazione francese ha fatto ai residenti nella vallata di fotografare i Tir e di trasmettere le immagini all’associazione utilizzando anche l’hashtag #BalanceTonPL.

L’Associazione Sauvons la Roya, utilizzando le immagini trasmesse in rete dalla videocamera che inquadra i tornanti che precedono l’imbocco francese del Tunnel di Tenda, ha documentato più di 40 passaggi di Tir

Intanto la Prefettura di Nizza è stata sollecitata da più parti perché la polizia che svolge un costante controllo appena dopo la frontiera di Fanghetto sia incaricata anche di far rispettare l’ordinanza.

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore