/ Business

Business | martedì 23 ottobre 2018, 08:00

Immobiliare: sugli scudi Menton, stabile a Nizza, in calo ad Antibes

I dati del terzo trimestre 2018 sostanzialmente stabili. La nuova legge sugli affitti temporanei potrebbe agevolare il mercato. A Nizza i grandi lavori “lanciano” alcuni quartieri

Nizza vista dalla Colline du Chateau

Nizza vista dalla Colline du Chateau

All’insegna della stabilità, ma col barometri fisso sul bello. I dati forniti da Fnaim Côte d’Azur relativi al terzo trimestre 2018 indicano un  piccolo incremento dei valori medi del terzo trimestre 2018 (calcolo col metodo della moyenne glissante, tenendo cioè conto anche dei prezzi dei trimestri precedenti in una sorta di media mediata che assicura maggiore affidabilità) sono cresciuti da 4.388 a 4.446 al metro quadrato.

Sugli scudi, per quanto riguarda il numero di transazione, Cannes e Menton, con incrementi che si posizionano tra il 5% e il 7%, con una differenza a Menton il prezzo medio al metro quadrato è indicato in crescita (+ 0,44%), mentre a Cannes in calo (- 1,40).

In lievissimo calo le transazioni a Nizza, che ha conosciuto un vero boom nei trimestri precedenti, ma la città si mostra a macchia di leopardo, con i quartieri che stanno subendo trasformazioni nel campo del recupero o della viabilità in effervescenza (Place di Pin, Liberation),  mentre altri sono sostanzialmente stabili. In calo più sensibile, invece, le transazioni ad Antibes, che hanno registrato un -4,5%.

Non è ancora apprezzabile l’effetto dell’aumento della taxe foncière, con l’esordio di quella metropolitana, che ha fatto crescere la tassazione nel territorio della Métropole di Nizza, anche perché le molte opere pubbliche in atto svolgono una funzione di impulso.

Un ruolo importante potrebbe invece svolgerlo, nei prossimi mesi, la nuova legge  Elan, appena approvata, che istituisce nuove forme di contratto di locazione che potrebbero invogliare l’acquisto di piccoli alloggi per investi,mento.

La nuova legge istituisce infatti, con apprezzabili garanzie, il  bail mobilité che si adatta bene alle situazioni di mobilità lavorativa (assunzioni stagionali, stages, apprendistato).

Questa legge, secondo  da Fnaim Côte d’Azur potrebbe rivelarsi positiva  per il settore  alla ricerca sempre di più di stabilità e di prospettive.      

Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore