/ Business

Business | 04 aprile 2019, 07:00

Immobiliare: il mattone “piace”

L’analisi di Philippe Alazard per Montecarlonews “promuove” il settore immobiliare che in Francia continua a “vedere rosa”

Philippe Alazard

Philippe Alazard

Dopo il 2017, un anno record, all'inizio del 2018 i commentatori avevano pronosticato un’annata di transizione.

Dodici mesi dopo, una buona sorpresa, il mercato immobiliare, sempre dinamico, ha continuato nel suo slancio.

Il volume delle transazioni viene mantenuto ad alti livelli e raggiunge i picchi. Dal lato dei prezzi, tuttavia, l'aumento sta rallentando.
Dopo una crescita a due cifre registrata in città come Bordeaux e Parigi nel 2017, nel 2018 i prezzi sono scesi, sia pure in modo quasi inapprezzabile.

Ottime notizie per gli acquirenti
Un segnale forte rivolto anche a venditori esitanti: il contesto, caratterizzato dall’assestamento dei prezzi con cali sporadici, sconsiglia l’attesa da parte di chi vorrebbe attuare un progetto di vendita del proprio appartamento. 

Carenza di offerte nelle principali città
L'unico punto negativo è caratterizzato dalla contrazione dei tempi di vendita (tempo tra la vendita e la firma del contratto).

La media nazionale è assestata sui 75 giorni. Tempi maggiormente ridotti in alcuni settori a tensione abitativa come Bordeaux (56 giorni) con conseguente scarsità di offerte e riduzione delle scorte di beni in vendita che non riescono a rinnovarsi velocemente.

Una realtà comunque circoscritta alle grandi città e a pochi micro settori. Perché sulle aree geografiche nelle quali il mercato immobiliare può essere definito “pigro”, come i Pirenei Orientali o l'Aude, il tempo di vendita supera la soglia e si assesta tra gli 80 e i 90 giorni.

Rifugio sicuro

Il bilancio del 2018, confermato anche nei primi mesi del 2019, è complessivamente molto positivo.

In un contesto di bassi tassi di interesse, sono molte le ragioni che fanno propendere a favore dell'acquisto di beni immobili.

Gli inquilini possono beneficiare di un credito inferiore all'1,5% e dell'estensione della durata dei prestiti per diventare proprietari della loro residenza principale.
Anche chi è alla ricerca di investimenti più remunerativi si rivolge al mattone.
Grazie all'effetto “traino” del credito, è possibile costruire una ricchezza trasferibile ad un costo contenuto, generando reddito addizionale alla pensione.

Philippe Alazard

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium