/ Altre notizie

Altre notizie | 03 ottobre 2018, 08:00

Lotta agli sprechi alimentari: ci pensa “Pepino”

Un’applicazione consente a Nizza di evitare l’invio in discarica di frutta e verdura. In poche settimane si è rivelata un vero successo

Pere (foto tratta dal sito di Oui! Greens)

Pere (foto tratta dal sito di Oui! Greens)

Potrebbe rivelarsi l’uovo di Colombo, certo la nuova applicazione, che é stata da poco messa in rete, sta dando una enorme mano ad evitare lo spreco dei generi alimentari. Si parla di 2,7 tonnellate di frutta e legumi che sarebbero stati salvati dall’invio in discarica e dirottati invece verso il loro naturale utilizzo.

L’applicazione, che è attiva a Nizza da poche settimane, si chiama Pepino ed è stata messa in rete da Oui! Greens: lo scopo è quello di mettere in contatto domanda ed offerta, consentendo di evitare lo spreco di frutta e verdura che difficilmente sarebbe ancora commerciabile sui mercati cittadini.

Carote un po’ andate, pere ormai troppo mature, melanzane eccessivamente piccole, banane che tendono al color marrone: Pepino trova, a prezzi logicamente scontati, l’acquirente. Che può essere il gelataio, l’allevatore di suini o qualche privato, evitando di avviare alla discarica beni che possono ancora avere un futuro, ma che non sono proponibili nei negozi e sulle bancarelle. Le zucche un po’ andate, ad esempio, si commercializzano intorno ad un euro al chilogrammo.

Nei prossimi giorni l’applicazione verrà pure lanciata a Marsiglia e ad Aix en Provence: per il momento a Nizza sta destando forte interesse con oltre 30 ristoratori e 200 privati che già interagiscono.

In Francia si calcola che ogni anno 10 milioni di tonnellate di frutta e verdura vengono avviati verso le discariche, una buona parte potrebbe ancora essere utilizzata.   

Beppe Tassone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium