/ Altre notizie

Altre notizie | 21 luglio 2020, 08:00

Covid 19: “Tutti come Zorro”. In Francia la mascherina è diventata obbligatoria

Praticamente va indossata in ogni luogo pubblico chiuso. La sanzione è di 135 euro. Negozi e grandi magazzini invitati a vigilare. Si corre ai ripari di fronte alla recrudescenza dell’epidemia

Mascherine in Place Massena a Nizza, foto di Ghjuvan Pasquale

Mascherine in Place Massena a Nizza, foto di Ghjuvan Pasquale

Si corre ai ripari nell’unica maniera che si è, fino ad ora, rivelata decisiva ed efficace nella lotta all’epidemia da coronavirus: quella della protezione e dei gesti barriera.

Di fronte ad una recrudescenza virale che sta colpendo Spagna e Portogallo, in modo preoccupante e che ha visto, in Francia, crescere l’indice di infezione con la Regione Sud - Provence-Alpes-Côte d'Azur  al terzo posto assoluto in questa poco onorevole classifica con un indice di 1,5 e la classificazione rossa (ma il Dipartimento delle Alpi Marittime è ancora in regola), la mascherina da ieri è diventata obbligatoria nei luoghi pubblici al chiuso. 

L’assenza di mascherina, dove è obbligatoria, comporta una sanzione di 135 euro, mentre saranno attivati i vigilanti ad impedire gli accessi o a invitare ad indossarla.

Quali sono i luoghi nei quali occorre indossare la mascherina?
Lo ha specificato il governo francese e sono questi:

  • Sale di audizione, di riunione, di spettacolo o ad utilizzo multiplo;
  • Cinematografi;
  • Ristoranti e bar;
  • Hotel e pensioni;
  • Sale da gioco;
  • Centri di formazione;
  • Centri vacanza;
  • Centri ricreativi;
  • Biblioteche;
  • Luoghi du culto;
  • Centri sportivi coperti;
  • Palestre;
  • Musei;
  • Tende, tendoni e strutture chiuse
  • Hotel e ristoranti montani compresi i rifugi;
  • Stazioni marittime, stradali , ferroviarie e aeroporti;
  • Negozi, centri commerciali;
  • Amministrazioni;
  • Banche;
  • Mercati coperti.

Questi luoghi vanno ad aggiungersi a quelli che son sempre stati compresi tra quelli nei quali le mascherine sono obbligatorie quali l’accesso agli ospedali ed alle case di cura ed agli ambulatori.



Beppe Tassone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium