/ Altre notizie

Altre notizie | 26 gennaio 2021, 19:00

Covid: “Mandateci i vaccini!”, i sindaci delle Alpi Marittime scrivono al Ministro Olivier Véran

“Con un tasso di incidenza di 424 ogni 100.000 abitanti, un tasso di positività dell'8.5%, 288 persone ricoverate di cui 62 in terapia intensiva, ci troviamo nella situazione sanitaria di maggiore preoccupazione in Francia”

Covid: “Mandateci i vaccini!”, i sindaci delle Alpi Marittime scrivono al Ministro Olivier Véran

Un appello congiunto al Ministro della Salute Olivier Véran è stato inviato dai sindaci dei maggiori centri e delle agglomerazioni del Dipartimento delle Alpi Marittime.

I vaccini giunti non sono sufficienti e la situazione peggiora costantemente.
Questo il testo del documento che è stato inviato dal quale traspare tutta la gravità della situazione

“Con un tasso di incidenza di 424 ogni 100.000 abitanti (300 nel PACA e 200 in Francia), un tasso di positività dell'8.5% (7.6% in PACA e 6,85% in Francia), 288 persone ricoverate di cui 62 in terapia intensiva, il Dipartimento delle Alpi Marittime si trova nella situazione sanitaria di maggiore preoccupazione in Francia.

Inoltre, il Dipartimento annovera 135.028 persone di età superiore ai 75 anni, ovvero il 12.5% della popolazione dipartimentale (Insee 2017), ben al di sopra della media nazionale (9.3%).
Il 14 gennaio Olivier Véran, Ministro della Solidarietà e della Salute, ha dichiarato che “ogni centro sa quante dosi ha per le successive quattro settimane e ogni centro può quindi fissare appuntamenti per le quattro settimane a venire”.

In costante contatto con la Prefettura delle Alpi Marittime e l'Azienda Sanitaria Regionale, siamo congiuntamente di fronte a consegne di dosi il cui volume e frequenza sono incerti e insufficienti.

Così, da ieri sera, la ripartizione delle dosi di vaccino per comune è stata nuovamente ridotta per la terza settimana consecutiva.
Questo nuovo calo del 30% delle dosi di vaccino assegnate ai centri di vaccinazione comunali o intercomunali non consente di onorare, in alcuni comuni, le prenotazioni entro otto giorni. La comunità devono quindi affrontare il disguido e talvolta la legittima insoddisfazione dei cittadini la cui vaccinazione viene improvvisamente rinviata.

Di fronte a questa realtà e all'emergenza sanitaria, chiediamo al Ministro della Solidarietà e della Salute una mobilitazione significativa perché le persone sopra i 75, prioritarie, possano essere vaccinate il più rapidamente possibile. "

  • Georges Botella, maire de Théoule-sur-Mer et vice-président de l’agglomération Cannes Pays de Lérins,
  • Christian Estrosi, maire de Nice et président de la métropole Nice-Côte d’Azur,
  • Richard Galy, maire de Mougins et vice-président de l’agglomération Cannes Pays de Lérins,
  • Jean-Claude Guibal, maire de Menton et président de la communauté d'agglomération de la Riviera française,
  • Sébastien Leroy, maire de Mandelieu-La Napoule et vice-président de l’agglomération Cannes Pays de Lérins,
  • David Lisnard, maire de Cannes et président de l’agglomération Cannes Pays de Lérins,
  • Yves Pigrenet, maire du Cannet, et Michèle Tabarot, député des Alpes-Maritimes,
  • Jérôme Viaud, maire de Grasse et président de l’agglomération du Pays de Grasse.







Beppe Tassone

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium